PROVA 2

<p><span style=”font-size: 18pt; color: #800000;”><strong>La Storia di Bologna</strong></span><em><strong><span style=”font-size: 18pt; color: #800000;”> in breve: le torri, i canali, le case, i portici, l’Arte,  </span>   </strong></em></p>

<h1 style=”text-align: left;”><span style=”font-size: 14pt; font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”><em><strong><a href=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/selva-turrita.jpg”><img class=”alignright wp-image-5932″ src=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/selva-turrita-400×363.jpg” alt=”selva-turrita” width=”347″ height=”315″ /></a></strong></em></span></h1>

<h1 style=”text-align: left;”><strong style=”color: #800000; font-size: 16px;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”font-size: x-large;”><span style=”font-size: 14pt;”>personaggi e curiosità … per conoscere ed apprezzare di</span></span></span></em></strong></h1>

<p style=”text-align: left;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”><strong><span style=”font-size: x-large;”><span style=”font-size: 14pt;”> più</span></span></strong></span></em><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”><strong><span style=”font-size: x-large;”><span style=”font-size: 14pt;”> questa antichissima citta !</span></span></strong></span></em></p>

<p><em style=”color: #800000; font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: x-large; font-weight: bold;”><span style=”text-decoration: underline;”> Storia di Bologna </span></em></p>

<h2 style=”text-align: center;”><span style=”color: #800000;”><em style=”text-decoration: underline;”>Le Sue Origini :</em> </span>  <span style=”color: #800000;”><em><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: 14pt;”>( <strong>Villanoviani – Etruschi – Galli Boi</strong> )</span></em></span></h2>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong>Tutto Ebbe Inizio </strong>con un insediamento dell’età del bronzo , <strong>forse più di 3700 anni fa</strong> , chissà chi erano… o cosa pensavano.. o quale fossero i loro nomi ! ….. scoperte archeologiche dimostrano come la zona di Bologna  vi fosse già un insediamento ben organizzato <strong>prima del IX sec.</strong> a. c.  .</em></span><br /><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>Sin dalla sua fondazione, Bologna aveva una buona posizione geografica: fondamentale crocevia tra nord e sud. Quelle Genti di stirpe italica appartenevano alla cultura detta <strong>“ Villanoviana “</strong> .</em></span></p>

<p style=”text-align: left;”><span style=”color: #ff00ff;”><strong> <span style=”text-decoration: underline;”><span style=”font-family: Impact, Chicago;”><span style=”font-family: Helvetica; font-size: small;”>Clicca sulle foto si ingrandiranno</span></span></span></strong></span></p>

<p style=”text-align: left;”><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/eta_villanoviana.jpg”><img style=”width: 243px; height: 206px;” title=”eta_villanoviana” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/eta_villanoviana-400×282.jpg” alt=”” width=”400″ height=”282″ /></a><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/pozzo_villanoviano-bologna.jpg”><img class=”alignnone” title=”pozzo_villanoviano bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/pozzo_villanoviano-bologna-265×400.jpg” alt=”” width=”159″ height=”240″ /></a> <a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/tomba-etrusca-bologna-giardini-margherita.jpg”><img class=”alignnone” title=”tomba etrusca bologna giardini margherita” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/tomba-etrusca-bologna-giardini-margherita.jpg” alt=”” width=”162″ height=”160″ /></a></p>

<p style=”text-align: left;”><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino; font-size: small; color: #333333;”>Sopra illustrazioni delle ricostruzione di villaggio villanoviano – Scavi archeologici: un pozzo villanoviano – una tomba etrusca</span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><em><strong>Intorno al IX</strong> <strong> secolo a.c</strong>. comparvero <strong>gli Etruschi, furono loro a chiamare la città “ Felsina</strong> “ dalla parola etrusca<strong> “ Velzna “</strong> chi significava probabilmente “ capoluogo “ . Bologna divenne la capitale dell’Etruria padana.</em></span> <span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”> <em> Nel IV secolo avanti Cristo le <strong>tribù galliche dei “ Boi </strong>“ riuscirono a conquistare la ricca e fiorente città di Felsina. Per due secoli circa queste popolazioni celtiche si mischiarono ai coltissimi Etruschi .</em></span></p>

<h2><span style=”font-size: 18pt;”> <span style=”text-decoration: underline;”><span style=”color: #800000; text-decoration: underline;”><strong><em><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”> Bologna città Romana</span></em></strong></span></span><span style=”color: #800000;”><strong><em><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>:</span></em></strong></span></span></h2>

<p><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em>Ma le mire espansionistiche dei Romani portarono alla definitiva vittoria di P. Cornelio Scipione Nasica, (cugino dell’Africano ), sui Galli Boi. Fu tracciata la via Emilia e<strong> nel 189 a.C.</strong> <strong>il senato di Roma votò per la fondazione di Bononia </strong>nello stesso luogo in cui sorgeva la città etrusca Felsina<strong>.</strong></em></span></p>

<p style=”text-align: right;”><span style=”font-size: small;”><span style=”color: #800000;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/bologna-bononia-romana-pianta.jpg”><em><img class=”alignleft” style=”width: 387px; height: 293px;” title=”bologna bononia romana pianta” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/bologna-bononia-romana-pianta-400×299.jpg” alt=”” width=”20″ height=”14″ /></em></a></span></span><span style=”color: #800000;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/bologna-romana-plastico-ricostruzione.jpg”><img class=”alignleft wp-image-1271″ title=”bologna romana plastico ricostruzione” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/bologna-romana-plastico-ricostruzione.jpg” alt=”” width=”308″ height=”156″ /></a></span></span></span>ricostruzione di <a href=”http://www.cineca.it/en/node/4614″>Cineca Bologna </a></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”> <span style=”font-size: 10pt; font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino;”><span style=”color: #800000;”>La posizione della città era di fondamentale importanza sia per il controllo delle vie di comunicazione con la via Emilia che per il territorio p</span><span style=”color: #800000;”>ianeggiante, ricco di corsi d’acqua e fertile </span></span></span><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”><em><strong>Nel 53 d. C.</strong></em></span><span style=”color: #800000;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em> Bononia viene distrutta da un incendio ma ricostruita con grandiosità grazie ai fondi del giovane imperatore Nerone, nel </em></span><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong>69 d. C.</strong> Fabius Valens comandante militare Romano fece erigere <strong>un l’anfiteatro</strong></em></span><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em> di grandi dimensioni ( 100 m. di diametro e 30 di altezza ) scoperto nel 1982</em></span> </span></span><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em>.</em></span></span></span></p>

<p><span style=”color: #800000;”><span style=”font-size: 18pt;”><em><strong><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”><span style=”text-decoration: underline;”>Bologna nel Medioevo :</span></span></strong></em></span></span></p>

<h2 style=”text-align: center;”><span style=”color: #800000; font-size: 14pt;”><em><strong><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”><span style=”text-decoration: underline;”>Periodo Alto Medioevo :</span></span></strong></em></span></h2>

<p><span style=”font-size: 12pt;”> <span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”color: #800000;”><em> La via Emilia porterà ben presto alla diffusione del <strong> Cristianesimo a Bononia.</strong> </em></span></span></span><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”color: #800000;”><em>Già dal <strong>III° secolo d</strong>.<strong>C</strong>.<strong> , </strong> in un periodo dove il Cristianesimo   primitivo dopo secoli travagliati aveva già  assorbito il pensiero Platonico e influenze dal mondo Romano,  si diffuse grazie ai  i primi martiri ” Cristiani ” Bolognesi   vi sono <strong>Agricola e</strong> il suo servo <strong>Vitale</strong>, caduti nella persecuzioni di Diocleziano <strong>nel 305 a. c.</strong> e sepolti nel cimitero Ebraico , che testimonia la presenza legale degli Ebrei a Bologna.</em></span></span><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino;”><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”> (<span style=”font-size: 10pt;”> * 1 vedi nota bibliografica in calce</span> ) . <em>Successivamente le spoglie di questi martiri vennero spostati nella antichissima chiesa di <strong>Santo Stefano un complesso di sette chiese </strong>sorte gradualmente dal IV ° sec. ed <span style=”color: #800000;”><span style=”font-style: normal;”>edificate sopra un preesistente </span>tempio pagano <span style=”font-style: normal;”> dedicato a </span>Iside, di cui si trova ancora una colonna e altre traccie<span style=”font-style: normal;”> . </span></span></em></span></span><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino;”><span style=”color: #800000;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”>Secondo la leggenda chiesa fu voluta e ideata da <strong>Petronio </strong>vescovo che diverrà il santo patrono della città</span></em></span></span><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino;”><span style=”color: #800000;”><em>.</em></span></span></span> <span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>Alla caduta dell’impero Romano , </em></span><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><strong>Nel 476</strong> dopo Cristo le invasioni barbariche lasciarono Bononia in cumuli di rovine . </span><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><strong>Verso il 726 d.c</strong>. <strong>i Longobardi</strong> conquistarono Bologna .</span><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”> <em><strong>Nel 1046 i Franchi</strong> scacciarono i Longobardi , <strong>Carlo Magno</strong> fu incoronato imperatore del Sacro Romano impero e donò bologna al papato , dominio che rimase fino al 1860.</em></span></p>

<h2 style=”text-align: center;”><span style=”text-decoration: underline; color: #800000; font-size: 14pt;”><em><strong><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>Medio Medioevo : </span></strong></em> </span></h2>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”> <span style=”font-size: 12pt; color: #800000;”><em><strong>Nel 1088 circa<span style=”font-size: 14pt;”> nacque l’antica università di Bologna</span></strong> , <strong>” Alma Mater Studiorium “</strong> prima e più antica università del mondo occidentale. </em></span></span><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”><em><strong>Agli inizi del 1100 </strong></em></span><span style=”font-size: 12pt; color: #800000;”><em>le ricche famiglie bolognesi iniziarono</em></span><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”><em> a<strong> costruirsi la torre</strong> . </em></span><span style=”font-size: 14pt; font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”><em><span style=”text-decoration: underline;”> <strong>Nel 1109 </strong>fu costruita l’altissima<strong> torre  della famiglia  degli Asinelli   ,</strong></span>dopo pochi mesi si iniziò a costruire anche la vicina<span style=”text-decoration: underline;”><strong> Torre della famiglia Dei Garisenda.</strong></span></em></span><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/incisione-due-torri-.jpg”><img class=”wp-image-4969 alignright” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/incisione-due-torri-.jpg” alt=”incisione due torri” width=”119″ height=”195″ /></a></span></em></span><strong><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”> (<span style=”font-size: 10pt;”> per ampliamento sulle torri   vedi   in fondo a questa pagina  la Sezione N. <span style=”font-family: Arial, Helvetica, sans-serif;”>1</span> LE TORRI</span> di Bologna)</span></strong><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”><em> <strong>Nel 1158</strong> <strong>nacque così il “ libero comune di bologna “, concesso dall’ imperatore alla città</strong></em></span></p>

<h1><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><span style=”font-family: Helvetica;”>F<span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>u in questo periodo che</span></span></span></em></span><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><strong> la città prese il nome di ” Bologna ”</strong> secondo una citazione da</span></em> <span style=”color: #000080;”><a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Bologna”><span style=”color: #000080;”><span style=”font-size: 12pt;”>Wikipedia</span> </span></a></span><em><span style=”color: #000080;”><span style=”color: #000080; font-size: 8pt;”>(<span style=”font-size: 10pt;”> successivamente rimossa ma riscontrabile in altri siti )</span></span></span> <strong> <span style=”color: #800000; font-size: 12pt;”> deriva da :</span></strong><span style=”font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”><strong><span style=”font-size: 14pt;”><strong>” Bo-lan-yah ” </strong><strong>( pronuncia dialettale che in ebraico significa : </strong></span></strong><span style=”font-size: 14pt;”><strong>”</strong><strong>In essa alloggia </strong><strong><a style=”color: #800000;” title=”Yahweh” href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Yahweh”>Yahweh</a></strong><strong>”). </strong></span></span></em></h1>

<p><span style=”font-size: 12pt;”> <span style=”color: #800000;”><em> Recentemente nella Biblioteca Universitaria di</em></span></span><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em><strong> Bologna è stato scoperto il rotolo del Pentateuco ebraico più antico del mondo</strong> ) </em></span></span><span style=”color: #800000;”><em><span style=”font-size: 14pt;”><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”>che conservava da epoca immemorabile senza saperlo </span>.</span> </span></em></span><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”>Questa scoperta sembra voler riconfermare il legame che unisce</span></em><em><span style=”color: #800000;”> <span style=”color: #993300;”><strong>Bologna , la Torah e la Cultura Ebraica </strong><span style=”font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”>da qui probabilmente come sopracitato deriva il significato del</span><strong> nome di Bologna</strong>: <strong>”</strong> <strong>Bo-lan-yah</strong> <b>”</b> </span></span></em></span><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: small; color: #800000;”><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”color: #993300;”>”<span style=”font-size: 12pt;”>In essa alloggia</span></span></span><span style=”font-size: 12pt;”> <strong><a title=”Yahweh” href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Yahweh”><span style=”color: #993300;”>Yahweh</span></a></strong>” </span> ( </span></em><span style=”font-size: 12pt;”><a href=”http://www.adnkronos.com/IGN/News/Spettacolo/Scoperto-il-piu-antico-rotolo-esistente-della-Torah-era-in-una-biblioteca-di-Bologna_32237434076.html”>Vedi per approfondimenti fonte : www.adnkronos.com</a> ) </span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”color: #800000;”><strong>Nel </strong></span></span></em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>1176</strong></span></em><em><span style=”color: #800000;”> per difendersi dalle mire di <strong>Federico 1 detto il Barbarossa </strong> il comune di Bologna fece costruire 4 chilometri di mura con fossato, il Barbarossa non riusci mai ad entrare in città , una leggenda vuole che si fermasse nei pressi di Medicina vicino a Bologna dove  guarì da una malattia da qui il nome del paese ” Medicina ” .</span></em></span></span><br /><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”text-decoration: underline;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”color: #800000; text-decoration: underline;”> <strong>A</strong></span></span></em></span><em><span style=”text-decoration: underline;”><span style=”color: #800000; text-decoration: underline;”><strong> Bologna le Torri crescono come i funghi</strong></span></span><span style=”color: #800000;”> ormai se ne contano a decine  a centinaia.. ( secondolo storico Finelli circa 180 ) ma con tante torri così alte  aumentano anche i rischi;  il <strong>7 maggio 1201 una torre collassa</strong></span><span style=”color: #800000;”>, e precipita sulle case sottostanti causando la morte di 37 persone </span></em><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”color: #800000;”><span style=”font-size: 12pt;”>(</span> </span><span style=”font-size: 10pt;”><span style=”color: #800000;”>per approfondimenti vedi la Sezione N. 1 – LE TORRI</span><span style=”color: #800000;”> in fondo a questa pagina</span></span><span style=”color: #800000;”> )</span></span></em></span></p>

<p><a href=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Bologna-la-Turrita-1.jpg”><img class=”aligncenter wp-image-6272″ src=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Bologna-la-Turrita-1-400×178.jpg” alt=”Bologna medievale la turrita” width=”539″ height=”240″ /></a></p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”color: #800000;”>                    <span style=”font-size: 10pt;”>Bologna la turrita  veduta  Medievale </span></span></span></em></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”color: #800000;”>Verso la<strong> fine del XIII </strong>secolo Bologna fu coinvolta nell</span>e </span></em></span><span style=”color: #800000;”><strong><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”>lotte tra guelfi e ghibellini .</span> </strong></span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”font-size: 12pt; color: #800000;”><strong>il 26 Maggio del 1249</strong> i Bolognesi  ( guelfi) attaccarono Modena  ( Gubellina ) e si fronteggiarono con le truppe imperiali di re Enzo di Svevia   figlio di Federico II, alleate dei Modenesi , nella località di  Fossalta  nei pressi del fiume Panaro vicino a Modena . I Bolognesi catturano  nipote di Barbarossa<strong> “ Re Enzo “</strong>  Fu un vero smacco per suo Padre L’Imperatore del Sacro Romano Impero  <i><b>Federico II di Svevia  </b>che tentò più volte di trattare con i Bolognesi  per liberarlo mediante un riscatto , ma i Bolognesi non accettarono, anzi con la morte dell’Imperatore nel 1250  finirono le speranze di libertà  di re Enzo di Svevia che rimase agli arresti domiciliari nel grandioso palazzo costruito per diventare il palazzo del comune, ma  alla fine utilizzato solo per </i> re Enzo , e nonostante vari tentativi di fuga reali o leggendari Renzo  non lo lasciò più, tuttavia visse una vita agiata circondato di arte poesia e belle dame . Il palazzo medioevale che porta il suo nome è ancora uno dei più bei palazzi Bolognesi.  </span></em><span style=”font-size: 12pt; color: #800000;”>(Per saperne di più <strong>Vai alle sezione 7</strong> a fondo pagina )</span></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”color: #800000;”><strong>N<span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>el 1256 </span></strong><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Bologna fu tra i <strong>primi comuni abolire la schiavitù </strong>allora noti come “la servitù della gleba ” i quali furono riscattati dal comune . In quel periodo la città si ampliò e furono costruite le nuova cerchia di mura , e grazie anche alla sua Università alla fine del XIII secolo, con i suoi</span></span><span style=”font-size: 12pt;”> <span style=”color: #800000;”><strong>60.000 abitanti</strong> per circa un secolo fu la quinta città europea per popolazione (dopo Cordova, Parigi Venezia e Firenze), Sempre in quegli anni Bologna a motivo delle sue industrie e il dinamismo dei suoi canali divenne con Milano il maggior centro industriale tessile d’Italia. </span></span></span></em></span><br /><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Palazzo-Re-Enzo.jpg”><img class=”alignright” style=”width: 266px; height: 162px;” title=”Palazzo Re Enzo” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Palazzo-Re-Enzo-400×228.jpg” alt=”” width=”400″ height=”228″ /></a> <span style=”color: #333333; font-size: 10pt;”><strong style=”text-align: center;”><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>sotto a sinistra Le due Torri di Bologna</span><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>, </span></strong><strong style=”text-align: center;”><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>la torre degli </span></strong><strong style=”text-align: center;”><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>Asinelli e </span></strong><strong style=”text-align: center;”><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>la torre e Garisenda </span></strong> </span><strong style=”text-align: center;”><span style=”font-family: Andale Mono, Times; font-size: small;”><span style=”color: #333333; font-size: 10pt;”>riprodotte in </span><span style=”color: #808080; font-size: 10pt;”><span style=”color: #333333;”>una formella in terracotta </span><span style=”color: #333333;”>Cm 18 x 31</span> </span> </span></strong></p>

<a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/due-torri-di-bologna-immagine-in-terracotta-.jpg”><img class=”wp-image-360″ title=”due torri di bologna immagine in terracotta” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/due-torri-di-bologna-immagine-in-terracotta–621×1024.jpg” alt=”le due torri storia di bologna” width=”255″ height=”420″ /></a> le due torri

<p style=”text-align: center;”><strong> <span style=”font-size: small; font-family: ‘Andale Mono’, Times; color: #808080;”> <span style=”color: #333333; font-size: 10pt;”> a destra palazzo Re Enzo oggi </span> </span> </strong></p>

<p style=”text-align: left;”><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Piazza-Maggiore-nel-1200-ricostruzione-1.jpg”><img class=”alignleft” style=”width: 301px; height: 300px;” title=”Piazza Maggiore nel 1200 ricostruzione” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Piazza-Maggiore-nel-1200-ricostruzione-1-400×388.jpg” alt=”” width=”117″ height=”113″ /></a><img class=”alignright” title=”piazza_maggiore dall’alto” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/piazza_maggiore-dallalto-400×289.jpg” alt=”” width=”275″ height=”198″ /></p>

<p style=”text-align: left;”><strong style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: small;”><strong> <span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>a sinistra a destra la </span></strong><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>ricostruzione di come era piazza maggiore nel 1200 destra </span></strong><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”><strong style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: small;”> piazza maggiore </strong><strong style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: small;”>e </strong><strong style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: small;”>palazzo re Enzo com’è Oggi</strong></span></p>

<p style=”text-align: left;”><a href=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Piazza-Maggiore-Bologna.jpg”><img class=”wp-image-6304 aligncenter” src=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Piazza-Maggiore-Bologna-1024×665.jpg” alt=”” width=”426″ height=”276″ /></a></p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”color: #333333; font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: 10pt;”>la Piazza più famosa di Bologna è <strong>piazza Maggiore</strong> , o anche <strong>” piazza Grande</strong> <strong>”</strong> nella canzone di Lucio Dalla Questa piazza è il salotto di Bologna</span></p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times; color: #333333;”><span style=”font-size: small;”>questa piccola immagine a desta la riproduce in argilla</span><span style=”font-size: small;”> . </span></span><span style=”font-size: 8pt;”><em style=”color: #333333; font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>( formellina terracotta di cm . 12 x 18 )</em></span></p>

<h2 style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”text-decoration: underline; color: #800000; font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: 14pt;”><em><strong>Tardo Medioevo : </strong></em></span></h2>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em><strong>Nel XII° sec.</strong></em></span><span style=”color: #800000;”><em> si iniziano a costruire <strong>i canali a Bologna</strong> creati allo scopo di collegare la città con il fiume Po e per fornire acqua ed energia meccanica agli opifici della città. La rete idrica bolognese si sviluppò gradualmente fino al XVI sec. per un totale di circa 80 km. <strong>Nel 1250</strong> ci fu <strong>una delle prime ordinanze</strong> che cercò di tutelare <strong>l’igiene dei cittadini</strong> , vietando di buttare nei canali carogne di cani letame pattume pelli di concerie ed escrementi , pena una ammenda. </em></span> <span style=”color: #800000;”><em><strong>Nel 1271</strong> grazie ai tanti <strong>Canali</strong> Bologna aveva una grande flotta di navi, infatti in quella data potè addirittura vincere una battaglia navale contro Venezia ed ottenere così vantaggi nel commercio. </em> <span style=”font-style: normal;”>( <span style=”font-size: 10pt;”>per approfondimenti vedi la </span></span><span style=”font-size: 10pt;”><strong style=”font-style: normal; color: #800000;”>Sezione N. 2 Bologna come Venezia</strong></span><span style=”font-style: normal;”><span style=”font-size: 10pt;”> in fondo a questa pagina</span> )</span></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>Nel 1286</strong> <strong>Dante Alighieri</strong> arriva a Bologna forse per studi universitari, rimane meravigliato della <strong>selva di torri</strong>, così ricorda la pendente <strong>torre Garisenda </strong> nel canto XXXI dell’Inferno.</span></em></span></p>

<a href=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/piazza-Ravegnana-le-due-torri-riccadonna-artenisi-Conforti.jpg”><img class=”wp-image-6392″ src=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/piazza-Ravegnana-le-due-torri-riccadonna-artenisi-Conforti-1024×680.jpg” alt=”” width=”363″ height=”241″ /></a> <span style=”font-size: 10pt;”>piazza Ravegnana un Selva Turrita Asinelli Garisenda Riccadonna Artenisi Guidozagni</span>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>Nel 1288</strong> Viene emesso dal Comune <strong>un Bando per Regolamentare i Portici</strong> </span></em></span><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”>che da tempo venivano costruiti spontaneamente nelle case dei private. il bando promulgava che nessun edificio doveva esserne privo . le misure minime almeno 7 piedi bolognesi (2,66 metri ) e larghi altrettanto , doveva riuscire a passarci un uomo a cavallo , permettevano di dare riparo a commercianti e studenti dalle intemperie e dalle strade fangose , i primi portici avevano le colonne in legno di quercia , successivamente divennero in muratura, oggi dopo secoli i portici rimangono una caratteristica di Bologna unica al mondo con una estensione di 38 km. solo nel centro storico .</span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”><em> 16 dicembre <strong>1303</strong> un certo <strong> Zaccaria di Sant’Agata</strong>, viene <strong>arso vivo</strong>, a bologna dalla “santa..” inquisizione cattolica, dopo pochi anni la stessa sorte toccò a una certa <strong>Bartolomea da Savigno</strong>, il 21 novembre 1307 subisce la stessa crudele sorte dagli inquisitori del papa. Purtroppo Bologna vedrà tantissimi altri atti di barbarie perpetuate dal clero</em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Terminal, Monaco;”><em><span style=”color: #800000;”><strong> <span style=”font-family: Georgia, Palatino;”>1306 </span></strong><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”>per festeggiare la sconfitta del marchese d’Este di Modena un certo Beccaro Beccari di notte mentre nevicava decise di <strong>scalare la torre Asinelli </strong></span></span></em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”>dalla parete esterna dato che in quel periodo le scale interne erano state bruciate in qualche sommossa, quindi usando due sole pertiche di legno infilandole in modo alternato tra alcuni spazi fra i mattoni salì fino in vetta alla torre accendendo poi un fuoco e la mattina scese nello stesso modo, acclamato dalla folla ammirata.</span></em></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”>Nell’autunno del <strong>1320</strong>, <strong>Francesco Petrarca</strong> viene a Bologna per iniziare gli studi giuridici . quello di Bologna sarà un soggiorno importante , perché venne a contatto con giovani che scrivevano versi in lingua comune o volgare. Nel 1326 il Petrarca lascia Bologna per Avignone. </span></em></span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><em><strong>15 novembre 1325  Battaglia di  “Zappolino ” </strong> nelle prime colline tra i territori bolognesi e modenesi   si scontrarono 35.000 fanti e 4.000 cavalieri. Nonostante la superiorità numerica, i bolognesi furono clamorosamente sconfitti , non fu una scamamuccia ma purtroppo un vero massacro, circa 2000 soldati persero la vita . I bolognesi furono inseguiti fino a Bologna dove si rifugiarono dentro le mura  mentre i soldati modenesi da  fuori deridevano gli sconfitti e come trofeo presero dalla citta una <strong>Secchia</strong> di legno <strong>rubata</strong> in un pozzo , divenuta col tempo oggetto goliardico e leggendario.</em></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>tra il 1327 al 1334 </strong> Bologna viene scelta come alternativa ad Avignone per ospitare la <strong>sede del papa</strong> , che in quel periodo era stato confinato in Francia. Il nipote del papa viene incaricato di preparare a Bologna la nuova corte papale , fa costruire un sontuoso palazzo e lo fa decorare dai più famosi pittori dell’epoca, <strong>Giotto stesso viene chiamato a Bologna</strong> per decorarlo , ma i Bolognesi risentiti perché messi in disparte da ogni incarico amministrativo si ribellarono e dopo giorni di lancio di sterco fecero fuggire il legato pontificio senza uso della violenza, il palazzo venne distrutto e solo un dipinto di Giotto sopravvissuto e conservato alla pinacoteca di Bologna mostra la struttura di questo palazzo andato perduto. </span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”><strong> Nel 1337</strong> ebbe inizio <strong>la Signoria dei Pepol</strong>i . La Signoria presentò forti elementi di continuità col passato, e resistette fino al 28 marzo 1401 quando la signoria passò alla famiglia Bentivogli.</span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-size: 12pt;”><em><strong>Nel 1351</strong> circa <strong>La Torre</strong> <strong>Garisenda</strong> già pendente dalla fondazione per un cedimento del terreno ma ancora alta circa 60 metri <strong>fu abbassata</strong> , era in periodo dove<strong> i Visconti di Milano governavano a Bologna,</strong> ( dato che i signori Pepoli in quel periodo l’avevano venduta ) , essendo odiati dai Bolognesi per stare al sicuro si costruirono una fortezza pensile, facendo passare a una trentina di metri di altezza delle travi che collegavano la torre Asinelli alla Garisenda : le parole di un manoscritto dell’epoca diceva : …” fece fare li tasselli e le scale a la torre Asinelli e una fortezza intorno che tegnìa fino la torre Garisenda ” .. </em><span style=”font-size: 10pt;”>(* 5 Vedi nota bibliografica in calce ) . N</span><em>e risultò un ponte con  un fortino attaccato tra le due torri inespugnabile, ma a motivo del peso dell’enorme struttura si pensò di abbassare la torre pendente alla misura tuttora attuale di 48 m. nel 1398 il fortino andò distrutto in un incendio con gioia de bolognesi che videro <strong>cacciare i prepotenti Visconti</strong> . </em></span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><em>25 luglio<strong> 1365</strong> un forte <strong>terremoto</strong> ! magnitudo stimata 5,6 non si hanno dati su morti o danni </em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><strong>Nel 1390</strong> </span><em><span style=”color: #800000;”>inizia la costruzione della basilica di <strong>san Petronio</strong>, attualmente tra le 6 chiese più grandi chiese di europa. Per manifestare il loro senso di religiosità verso Petronio il loro patrono i Bolognesi progettarono una chiesa molto più grande dell’attuale , ma il papa Pio IV fece costruire il palazzo universitario dell’archiginnasio a 12 metri parallelamente alla navata centrale della chiesa in modo che non si potesse ampliare costruendo il transetto di sinistra , questo allo scopo di non permettere che venisse costruita a Bologna una chiesa più grande di san Pietro che sarebbe stata eretta a Roma. …. ma forse questa sembra solo una leggenda dato che la chiesa era già padrona di bologna e quindi poteva comunque vietare l’ampliamento. </span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>10 Agosto 1998</strong>. <strong>nell’incendio</strong> del fortino pensile che era collegato come un ponte tra la torre Asinelli e la Garisenda ( già citato in precedenza ) , andarono completamente bruciate tutte le strutture e le scale di legno dell’Asinelli  che fu danneggiata, ma anche  in diverse altre occasioni la torre Asinelli fu danneggiata a motivo di fulmini che la colpirono fino al 1824 quando fu messo il parafulmini nella sua cima.</span></em></span></p>

<h2><span style=”text-decoration: underline; color: #800000; font-size: 18pt;”><em><strong><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”> Bologna nel  Rinascimento :</span></strong></em></span></h2>

<p><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>L</strong></span></em><em><span style=”color: #800000;”><strong>e Tagliatelle alla Bolognese : </strong></span></em><span style=”color: #800000;”><em>Secondo una leggenda bolognese <strong>le tagliatelle </strong>sarebbero state inventate nel <strong>1487</strong> dal bolognese <strong>mastro Zefirano</strong>, cuoco personale di Giovanni II di Bentivoglio: in occasione del matrimonio di Lucrezia Borgia (che passò da Bologna nel viaggio verso Ferrara, per sposare il Duca di Ferrara, Alfonso I d’Este)    </em></span></span></span><span style=”font-size: 12pt;”> <span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong><span style=”color: #800000;”>1477</span></strong><span style=”color: #800000;”> <strong>Pico della Mirandola</strong></span></em><em><span style=”color: #800000;”> viene a Bologna per studiare diritto canonico.</span></em></span></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>1494</strong> muore <strong>Nicolò dell’Arca</strong> importante scultore che ha dato a Bologna tantissime opere di grande livello Artistico sia in marmo che in terracotta . La Sua Opera più rappresentativa ” il compianto del Cristo morto ” composta da più figure in terracotta grandi al vero visibile nella chiesa di S. Maria della vita e definito ” l’urlo di pietra ” per la potente drammaticità e bellezza espressiva dei volti . Dell’Arca sarà tra i protagonisti della scultura Italiana del XV sec.</span></em></span><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>Nel 1494</strong> Giovanni Bentivogli inaugurò<strong> il Porto di Bologna</strong> zona porta Galliera. Mediante il sistema dei canali era in grado di muovere 200.000 tonellate di merce all’anno e 2500 navi.</span></em></span><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><strong><span style=”color: #800000;”>Nel</span> </strong></em><em><span style=”color: #800000;”><strong>1497 Nicolò Copernico</strong> viene a studiare all’Università Bolognese, L’ambiente culturale astronomico bolognese durante il lungo soggiorno è sempre stato considerato un evento di particolare importanza per Copernico in quegli anni.</span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em>Il 14 luglio <span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><strong>1498</strong> in piazza San Domenico <strong>l’Inquisizione</strong> fa bruciare sul rogo Gentile Budrioli, consigliera di Ginevra Sforza, accusata di stregoneria</span></em></span></p>

<p><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”font-size: 12pt;”><strong> 1</strong></span></em></span><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”color: #800000;”><em><strong>505</strong></em></span><span style=”color: #800000;”><em> un forte terremoto scuote la città probabilmente causando alcuni danni a case e alcune torri</em></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em>Alla fine <strong>1506 </strong>arriva a Bologna anche <strong>Michelangelo Buonarroti</strong></em></span><span style=”color: #800000;”><em> che vi soggiornerà fino al 1508 circa, in un periodo difficile perchè la città era contesa dal papa Giulio II e i Bentivoglio. Michelangelo vi eseguirà alcune sculture di piccole dimensioni ma molto interessanti come quelle incluse nell’Arca di san Domenico.</em></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”> <span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>Nel 1506</strong> infatti <strong>il papa guerriero</strong> Giulio II decise di riprendersi Bologna, e cacciò i Bentivoglio.</span></em></span></span></p>

<p><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><strong>Erasmo da Rotterdam</strong> umanista filosofo e Biblista Olandese. Visse in Italia <strong>tra il 1506 e il 1509</strong> , Dopo essersi laureato a Torino<strong> si trasferì nella colta Bologna</strong> e infine a Venezia. Fu il primo a pubblicare nel 1516 il nuovo testamento nel greco originale “Fu un riformatore”, dice la pubblicazione Edinburgh Review, “ finché la Riforma non divenne una terribile realtà”. Quindi divenne cauto temendo fratture con Roma – </em><span style=”font-size: 10pt;”>* 3 Nota in calce</span></span></p>

<a href=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Palazzo-Bentivoglio.jpg”><img class=”wp-image-6340″ src=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Palazzo-Bentivoglio-1024×820.jpg” alt=”” width=”264″ height=”211″ /></a> <span style=”font-size: 8pt;”>Ricostruzione del Palazzo Bentivogli inserito al  suo posto originale  nella piazza Verdi dove oggi si trova il teatro comunale.</span>

<p><span style=”color: #800000;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><strong>N Il 3 Maggio 1507 </strong>dopo la cacciata dei Signori Bentivoglio , per mano del papa Giulio II con appoggio dei Francesi , il Popolo aizzato inizia un furioso saccheggio del Grande palazzo Dei Bentivogli , depredando tutto quello che si poteva , in occasioni di più ondate  le mura e le stanze del palazzo vennero demolite con tanta foga da causare molte decine di morti tra il popolo </span></em></span><span style=”color: #800000;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>infervorato da questa opera distruttiva , oggi al posto del Palazzo dei Bentivogli si trova il Teatro Comunale  e nella zona retrostante vi è una collinetta  (un giardinetto sopra ai detriti della demolizione ), chiamata “<strong>del guasto</strong> ” a ricordare la perdita di uno dei palazzi più belli e imponenti di Italia .</span></em></span></p>

<p><span style=”color: #800000;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><strong>Nel 1514</strong> Raffaello Sanzio si trova a Bologna per eseguire la commissione della pala ” estasi di santa Cecilia “</span></em></span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>N</strong><span style=”text-align: left;”><strong>el 1515 </strong> <strong>Leonardo da Vinci</strong> visitò Bologna  assieme a Giuliano dè Medici  per incontrare il re di Francia  Francesco I e il papa Leone X, e viene presentato al re francese che rimase affascinato salla sue idee innovative .</span></span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”><span style=”text-align: left;”><strong>Nel 1530</strong> papa clemete VII incorona<strong> Carlo V</strong> imperatore nella chiesa di san. petronio , l’impalcatura eretta nella piazza maggiore come passarella per tenere separato il pomposo corteo dal popolo crolla sotto il peso , ma l’imperatore, il papa e il seguito clericale erano già passati… è strage .. ma la cerimonia continua senza scrupoli. in quel periodo anche <strong>Tiziano Vecelio </strong>soggiornò a Bologna per poter ritrarre l’imperatore Carlo V e immortalarlo nei suoi famosi dipinti.</span></span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”> <em><span style=”color: #800000;”><span style=”text-align: left;”><strong>Nel 1564</strong> fu realizzata una cisterna per alimentare la Fontana del Nettuno eseguita dall’architetto Tommaso Laureti .Questa singolare opera sotterranea nota col nome <strong>“ I Bagni di Mario “ </strong>è formata da una vasca principale di forma ottagonale e cunicoli a due livelli sotterranei. ..</span></span></em><em><span style=”color: #800000;”><strong>è il 1566</strong> il 16 dicembre viene collocata la gigantesca <strong>statua del Nettuno</strong> modellata e fusa dal <strong>Gianbologna</strong> scrive un cronista : ” è grande gioia per i Bolognesi “.  </span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>Nel 1566 </strong><b>Aonio Paleario </b>Umanista e riformatore trasferitosi da un po’ di  tempo  a Bologna per sfuggire alle persecuzioni ,  venne arrestato  da un inquisitore,  frate Angelo da Cremona, che lo portò a Roma dove nel 1570 venne  impiccato e messo al rogo. Paleario  fu certamente un personaggio anche se poco conosciuto  di spessore e grande   coraggio ,  scrisse  libri che smascheravano la corruzione morale della chiesa di Roma e mettevano in discussione   diverse dottrine contrarie alle scritture  come l’infallibilità papale , la dottrina del purgatorio, il culto delle reliquie, il celibato dei preti e la dottrina della transustanziazione. </span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><strong>Negli anni 1567 / 68</strong> – Bologna vivrà una ulteriore  escalation impressionante della crudetà attuata dalla <strong>inquisizione clericale</strong> , Bernardo Brescaglia di Modena, luterano viene arso vivo, in piazza San Domenico, 18 gennaio 1567 . Il 22 Marzo toccherà a Bernardo da Milano luterano , il 5 settembre il Pittore luterano Pier Antonio da Cervia ( impiccato e arso ) , l’8 ottobre un merciaio protestante Alessandro Panzacchi , assieme a Giorgio da Udine il 9 ottobre 1568 Silvio Lanzoni luterano. </em></span><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><strong>Nel 1585 </strong>Papa Sisto V fece giustiziare il senatore <strong>Giovanni Pepoli</strong> , per dare una lezione ai signorotti Bolognesi.</em></span></p>

<h2><span style=”color: #800000; font-size: 18pt;”><em><strong><span style=”text-decoration: underline;”><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”>Bologna nel Periodo Barocco :</span></span></strong></em></span></h2>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>Tra il XVI e il XVII secolo</strong> Bologna diventa la città più importante di italia nella<strong> ” Scuola di Pittura Barocca”</strong> .</span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Già dal 1582 Ludovico Agostino ed Annibale Carracci avevano fondato l’Accademia del disegno del Naturale, per un ritorno al naturale della pittura in antitesi alla pittura manierista , questo portò a un classicismo seicentesco innovativo di interesse culturale Europeo.</span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”>I maggiori rappresentati di questa scuola Bolognese furono : <strong>Ludovico, Agostino </strong>e<strong> Annibale</strong> <strong>Carracci</strong> , il <strong>Guercino</strong> , <strong>Guido Reni</strong> , il <strong>Domenichino</strong> , Albani , Cignani, Elisabetta Sirani , Meneghino, Lionello Spada , Mitelli , Alessandro Tiarini , e moltissimi altri. </span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong>1605</strong> muore <strong>Ulisse Aldrovandi</strong> grande medico e naturalista botanico ed entomologo Bolognese realizzatore di uno dei primi musei di storia naturale presso l’università di Bologna , si impose tra le maggiori figure della scienza mondiale.</em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>16 aprile 1616</strong> un fulmine colpisce la<strong> torre Asinelli</strong> distrugge i merli e le botteghe che la circondano. <strong>1630</strong> in contemporanea a milano scoppia la peste bubbonica 15.000 morti. </span></em></span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>La Mortadella</strong> : nel <strong>1644</strong>, è documentata la prima ricetta scritta della mortadella, grazie al celebre trattato del bolognese <strong>Vincenzo Tanara</strong> “L’economia del cittadino in villa”. </span></em> <span style=”color: #800000;”><em>Ma da molte altre documentazioni è evidente che<strong> già nel medioevo a Bologna si produceva la mortadella</strong> e che addirittura <strong>nel I° secolo in epoca Romana si facevano già accenni ad essa.</strong> </em></span></span><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em> <strong>Il Tortellino:</strong> </em></span><em><span style=”color: #800000;”><strong>1662</strong> il cuoco bolognese Bartolomeo Stefani alla corte dei Gonzaga presenta una nuova ricetta ” il Tortellino” – </span></em></span><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>1666 viene fondata L’Accademia filarmonica</strong> che divenne una prestigiosa scuola musicale europea con la presenza di numerosi virtuosi del canto e musicisti di altissimo prestigio . Entro la fine del XVII <strong> a Bologna viene inventato il Violoncello ; </strong>che prese forma prendendo come spunto l’antico strumento musicale “viola da gamba “, la quale venne completamente modificata nella struttura e nella resa acustica portando alla nascita del Meraviglioso Violoncello , dalle sonorità profonde ed emozionanti che ti entrano dentro e fanno vibrare il cuore , con le sue tonalità simili a una voce umana . </span></em><span style=”color: #800000;”>( per approfondimenti sul tema</span><span style=”color: #800000;”> vedi <strong>SEZIONE N. 5</strong> ” Bologna e la Musica<strong> “</strong> in fondo alla pagina )</span></span></p>

<h2><span style=”font-size: 18pt; font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino;”> <span style=”color: #800000;”><em><span style=”text-decoration: underline;”><strong>Bologna nel 1700 :</strong></span></em></span></span></h2>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”> Nel </span></em><em><span style=”color: #800000;”><strong>1770 </strong>anche<strong> Amadeus Mozart </strong>arriva a<strong> Bologna</strong> per studiare e perfezionarsi musicalmente , anche <strong>Rossini 1806</strong> si formò musicalmente a bologna dove visse buona parte della vita , come anche il Bolognese Ottorino Respighi compositore del Novecento .</span></em></span> <span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”> <em><strong>Nel 1777</strong> fu eseguita la commovente statuetta che ritrae il <strong>Cagnolino Tago</strong> ,eseguita in terracotta policroma</em></span> <span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”> <em><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Cane_Tago-bologna.jpg”><span style=”color: #800000;”> <img class=”alignright wp-image-3274″ src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Cane_Tago-bologna.jpg” alt=”Cane_Tago- bologna” width=”75″ height=”111″ /></span></a></em><em>dall’Artista Forlivese Luigi Acquisti. Venne Commissionata dal marchese Tommaso de ‘ Buoi e collocata sul davanzale della finestra della sua casa in via Oberdan 24 per ricordare la fedeltà del suo caro cane . Tago era sempre in devota attesa alla finestra di casa aspettando di rivedere rincasare il suo padrone partito per un lungo viaggio , dopo una lunga attesa,.. eccolo!…Sta arrivando !.. per la gioia incontenibile, con slancio si sporse dalla finestra fino a cadere e morire. La statuetta rimase per secoli su quella finestra, ma oggi è esposta tra le collezioni d’Arte del palazzo Comunale ,. Gli animali insegnano !….</em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>Nel nel <strong>1790</strong> </strong>il</span></em><em style=”color: #800000;”> Bolognese <strong>Luigi Galvani</strong> laureato in medicina all’università di bologna, dopo vari esperimenti diviene il primo scopritore dell’elettricità biologica e dei segnali nervosi mediante sperimentazione su rane.</em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”font-size: 12pt;”><em><strong>Goethe</strong> nel suo famoso viaggio attraversa l’italia e arriva a bologna il 18 ottobre <strong>1786</strong>…. rimane affascinato dalla bella bologna , sale sulla torre Asinelli per ammirarla dall’alto, visita la città, le strade le case le piazze e i musei che descrive nel suo racconto elogiando Bologna come una delle più belle città di Italia</em></span>.</span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”>Il 15 Giugno <strong>1796</strong> <strong>Napoleone</strong> fece il trionfale ingresso nella bella Bologna , e dichiarò decaduto il governo pontificio restituendo a Bologna libertà e potere al popolo. Viene abolito il crudele tribunale dell’inquisizione tenuto dai Domenicani . Bologna diventa capitale della Repubblica Cisalpina, e si orienta nella direzione opposta a quella clericale romana, iniziò il rinnovamento sociale e culturale come le altre città d’Europa laiche.</span></em></span></p>

<h2><span style=”font-size: 18pt;”><strong><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”><em><span style=”color: #800000;”><span style=”text-decoration: underline;”>Bologna nel 1800</span> : </span></em></span></strong></span></h2>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong>Stendhal </strong>nel settembre <strong>1814</strong> soggiorna a Bologna rimane colpito dalla bella e grande città e paragona le donne Bolognesi, per bellezza ed eleganza a quelle Parigine.</em></span><br /><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>nel 1815 dopo il la caduta di Napoleon</strong>e <strong>la città ritornò allo Stato Pontificio</strong> , che instaurò un governo clericale intransigente escludendo come ritorsione tutti i diritti civili ai bolognesi, per fare fronte alle proteste il papa chiamò in aiuto gli Austriaci che attuarono una rigidissima e oppressiva repressione militare </span></em></span><br /><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”> l'<strong>8 agosto</strong> <strong>1848</strong> bologna prese le armi e scacciò gli Austriaci , che però continuarono a fare pressione fino all’intervento del regno</span><span style=”color: #800000;”> del Piemonte , nel periodo del risorgimento italiano. </span></em></span><br /><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em> <span style=”color: #800000;”><strong>nel 11-12 marzo 1860</strong> <strong>bologna </strong>fu annessa con un </span><span style=”color: #800000;”>plebiscito a</span><span style=”color: #800000;”>l regno di Sardegna che <strong>diventerà Regno d’Italia nel 1861.</strong></span></em></span><br /><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em>Nel <strong>1853 a Budrio </strong>vicino Bologna nasce <strong>” L’Ocarina “</strong> un nuovo, singolare e simpatico strumento musicale l’inventore fu <strong>Giuseppe Donati</strong> lo strumento é completamente in terracotta .</em></span> <span style=”color: #800000;”>( per ampliamenti sul tema</span><span style=”color: #800000;”><strong> vedi SEZIONE N. 5 ” Bologna e la Musica “</strong> in fondo alla pagina )</span></span><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>Nel 1859</strong> il Governatore <strong>Luigi Carlo Farini</strong> abolisce l’inquisizione a Bologna. </span></em></span><br /><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”> <strong>1860 Giosuè Carducci</strong> diventa docente al la cattedra di letteratura italiana presso l’Università di Bologna, dove rimarrà in carica fino al 1904 . nel febbraio 1907 morirà a Bologna. <strong>1873 Giovanni Pascoli</strong> si iscrive come studente presso l’università di Bologna divenendo allievo del Carducci , Nel 1906 assunse la cattedra all’Università , succedendo a Carducci, morirà dopo pochi anni a bologna nell’Aprile 1912</span></em> </span><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em><strong>Nel 1881</strong> Viene aperto al pubblico il <strong>Museo Civico Archeologico di Bologna</strong> che conserva una delle più importanti collezioni di reperti Egizi d’Italia , gradualmente il Museo civico di Bologna si arricchirà grazie a reperti di età preistorica etrusca greco e roman</em>a , molti di questi donati dal Pittore ed appassionato di archeologia <strong>Pelagio Palagi.</strong></span></span><br /><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em>Il <strong>21 marzo 1885</strong> uscì il primo numero de <strong>“ il Resto del Carlino “</strong> giornale simbolo di Bologna , ed uno dei più antichi quotidiani italiani.</em></span></span><br /><span style=”color: #800000;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><strong>Il 25 <span style=”font-family: Georgia, Palatino;”>agosto 1887</span></strong> muore <strong>Giovanni Gozzadini</strong> , illustre bolognese storico archologo se</span><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”font-size: 12pt;”>natore , del Regno italiano . Nei suoi scavi archeoligici , scoprì i primi insediamenti della civiltà Villanoviana dell’età del ferro , </span><span style=”font-size: 12pt;”>grazie ai suoi </span><span style=”font-size: 12pt;”> studio delle torri gentilizie bolognesi ne contò un totale di  circa 180 , ma probabilmente da studi più recenti sembra che almeno contemporaneamente ve ne fossero state circa un centinaio .  </span></span></em></span><em style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><strong>La grande esposizione del 1888 segnò una svolta a Bologna:</strong> l’ampliamento dell’importante stazione ferroviaria, la voglia di internazionalità, il clima europeo fece modernizzare urbanisticamente la città , per ricavare nuove e ampie vie nel centro si iniziarono a sventrare antiche zone medievali . In questo progetto di rinnovamento purtroppo<strong> i</strong>niziarono speculazioni e interessi che porteranno fino alla proposta di abbattimento di <strong>tre grandi torri medievali</strong> che si trovavano nei pressi delle due pricipali <strong>Asinelli e Garisenda</strong>, così angoli suggestivi medievali iniziarono gradualmente ad essere cancellati. Si iniziarono anche ad abbattere molti chilometri di <strong>cinta muraria medievale del 1300 </strong> assieme ad alcune <strong>antiche porte</strong> . </em><br /><em style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><strong>Giovanni Pascoli il Carducci </strong>docenti all’università , e addirittura <strong>Gabriele D’Annunzio</strong> si batterono contro lo scempio che si stava perpetuando, scrissero a favore della conservazione delle torri e dei rioni .</em><em style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”> In questo clima <strong>Alfonso Rubbiani</strong>, Restauratore ed uomo di alta sensibilità artistica costituì un <strong>“Comitato per Bologna Storica e Artistica” </strong>in difesa del patrimonio bolognese ,che si proponeva mediante interventi di conservazione e ripristino degli antichi edifici la valorizzazione di questo patrimonio culturale. </em></p>

<p><em style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><strong> Dal 23 al 30 marzo del 1890</strong>  <strong>Buffalo Bill </strong> fa tappa a Bologna col suo spettacolo equestre  per la gioia  de Bolognesi  , l’evento venne ospitato nell’ippodromo Zappoli, fuori porta S. Felice. </em><em style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Buffalo Bill e la sua compagnia tornarono a Bologna nel 1906, ospitati in quell’occasione ai Prati di Caprara.</em></p>

<h2 style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”text-decoration: underline; font-size: 18pt; color: #800000;”><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times;”><em><strong>Bologna nel 1900 : </strong></em></span></span></h2>

<a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/81.jpg”><img class=”wp-image-2817 size-thumbnail” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/81-160×160.jpg” alt=”81″ width=”160″ height=”160″ /></a> Palazzo Re Enzo prima del restauro del Rubbiani

<p style=”text-align: center;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000; font-family: Terminal, Monaco;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”>Rubbiani <span style=”font-size: 12pt;”>riuscì nei primissimi anni del 900 a ottenere i permessi per restaurare e riportare all’originale bellezza palazzi come il Palazzo Re Enzo, palazzo della Mercanzia e molti altri , purtroppo però ne Lui ne il Comitato riuscì a impedire l’approvazione del progetto definitivo…<strong> lo</strong> <strong>sventramento compiuto nella centralissima via del Mercato di Mezzo …</strong>che una volta allargata<strong> divenne l’attuale via Rizzoli</strong> …. Si Sacrificarono rioni suggestivi voltoni e scorci di vicoli medievali originali e la base di ben 8 torri, tra cui le principali furono : <strong>la torre Conforti</strong> , e le tre torri sopra menzionate che erano site vicino Alle Due Torri Garisenda e Asinelli , <strong> la torre l’Artenisi la Riccadonna e la Guidozagni</strong>. Rubbiani morirà nel 1913 poco prima che si completi lo scempio. Infatti nel periodo dal 1914 al 1917 le importanti torri assieme ad altre strutture storiche vennero abbattute definitivamente … erano cominciati i tempi moderni ! …</span></span></span></em></span></p>

<p style=”text-align: center;” align=”center”><span style=”color: #800000;”> <strong><span style=”font-size: 12pt;”>Le Foto in basso documentano gli avvenimenti</span> <span style=”font-size: 10pt;”>( </span></strong></span><span style=”font-size: 10pt;”><span style=”color: #800000;”>foto tratte dal sit</span>o : </span><strong><span style=”font-size: 10pt;”> <a href=”http://www.bolognachecambia.it/il%20mercato%20di%20mezzo.htm”>www.bolognachecambia.it </a>)</span></strong></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/168.jpg”> <img class=”alignnone wp-image-2805 size-thumbnail” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/168-160×160.jpg” alt=”168″ width=”160″ height=”160″ /> </a><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/195.jpg”> <img class=”alignnone wp-image-2804 size-thumbnail” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/195-160×160.jpg” alt=”195″ width=”160″ height=”160″ /> </a><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/171.jpg”><img class=”alignnone wp-image-2807 size-thumbnail” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/171-160×160.jpg” alt=”171″ width=”160″ height=”160″ /></a> <a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/176.jpg”><img class=”alignnone wp-image-2806 size-thumbnail” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/176-160×160.jpg” alt=”176″ width=”160″ height=”160″ /></a></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Arial,Helvetica,sans-serif; color: #666699;”>la foto a sinistra mostra la vecchia Via del Mercato di Mezzo vista da l’imbocco verso le due torri , la seconda vista dal lato opposto. – le altre due foto mostrano la demolizione . Cliccando Sopra le foto si ingrandiscono.</span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Arial,Helvetica,sans-serif; color: #666699;”> <span style=”font-size: 10pt;”>In Basso una Formella in terracotta policroma illustra come poteva apparire le due Torri assieme alle altre tre demolite una piazza unica con cinque torri!.. La vecchia cartolina a destra immortala le torri poco prima dell’abbattimento completo.</span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000;”><em><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Le-Torri-di-Bologna-Riccadonna-Guidozagni-Artenisi-.jpg”><img class=”wp-image-950 alignnone” title=”Le Torri di Bologna Riccadonna Guidozagni Artenisi” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Le-Torri-di-Bologna-Riccadonna-Guidozagni-Artenisi-.jpg” alt=”” width=”302″ height=”228″ /></a></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><strong><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/torri-demolite-a-bologna.jpg”><img class=”aligncenter” title=”torri demolite a bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/torri-demolite-a-bologna.jpg” alt=”” width=”295″ height=”190″ /></a></strong></p>

<a href=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/bologna-ricostruzione-torri-medioevo-piazza-Ravegnana.jpg”><img class=”wp-image-6292″ src=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/bologna-ricostruzione-torri-medioevo-piazza-Ravegnana-719×1024.jpg” alt=”” width=”287″ height=”409″ /></a> <span style=”font-size: 10pt;”>veduta con le 5 Torri medievali di Bologna- da sinistra   Artemisia Garisenda Guidozagni Asinelli Riccadonna , nella piazza Ravegnana</span>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em style=”color: #800000;”><strong>Poco</strong> prima di questo periodo, nel dicembre del <strong>1895</strong> il bolognese <strong>Guglielmo Marconi</strong> dopo vari tentativi dimostrò che l’apparecchio da lui inventato era in gradi di trasmettere senza fili <strong> mediante le onde Radio</strong> , alla sua lettera di richiesta di brevetto in italia non venne neppure dato risposta considerandola follia . nel 1896 si reca a Londra dove la sua invenzione fu accettata dall’ufficio brevetti, <strong>Nacque il telegrafo senza fili</strong> che rivoluzionerà le comunicazioni nel mondo!  </em></span></p>

<a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/cesarino-vincenzi-busto-guglielmo-marconi.jpg”><img class=”wp-image-4860 ” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/cesarino-vincenzi-busto-guglielmo-marconi.jpg” alt=”Guglielmo Marconi Ritratto dallo Scultore Bolognese Prof. Cesarino Vincenzi” width=”246″ height=”222″ /></a> Guglielmo Marconi Ritratto dallo Scultore Bolognese Prof. Cesarino Vincenzi <a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/radio-marconi-radio-valvolare-marconi.jpg”><img class=”wp-image-5969″ title=”radio epoca marconi bologna antonello basilio tiziano vincenzi radio valvolare ” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/radio-marconi-radio-valvolare-marconi-400×225.jpg” alt=” Radio MARCONI 1952 per Gentile concessione di Antonello Basilio ( Collezionista ) radio valvolare ” width=”278″ height=”156″ /></a> <span style=”font-size: 10pt;”>Radio MARCONI 1952 per Gentile concessione di Antonello Basilio     </span>                            <span style=”font-size: 10pt;”> ( Collezionista )</span>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>3 ottobre 1909</strong> fu fondato Il <strong>Bologna Football Club</strong> presso la birreria Ronzani in Via Spaderi nel pieno centro cittadino.</span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em><strong>Nel 1914</strong> nasce <strong>Cesarino Vincenzi</strong> che diventerà esponente di spicco nella Scultura e Pittura del 900 Bolognese <strong>. </strong></em></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”> <span style=”color: #800000;”><em><strong>Il 1 Dicembre 1914 </strong>fu fondata a Bologna da<strong> Alfieri Maserati</strong> l’omonima casa automobilistica , nel 1937 viene trasferita da Bologna a Modena. </em></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em><strong>Nel Giugno 1918</strong> arriva anche a Bologna la  pandemia  detta : <strong>” influenza Spagnola “</strong> la prima ondata estiva si diffonde ma risulta meno grave che in altre città ma purtroppo era solo una illusione perché da Settembre riappare colpendo soprattutto bambini e giovani  con un tasso di mortalità elevato.</em> </span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em><strong> Nel 1926</strong> fu fondata la celebre azienda bolognese <strong>Ducati </strong>che inizialmente era all’avanguardia nella tecnologia delle comunicazioni radio. Nel 1946 nacque<strong> il reparto motociclistico</strong> , che ha portato le moto Ducati ai vertici mondiali.</em></span></span></p>

<a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/ducati-radio-epoca-valvole.jpg”><img class=”wp-image-5970″ src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/ducati-radio-epoca-valvole-400×209.jpg” alt=”radio DUCATI radio valvolari radio epoca antonello basilio” width=”278″ height=”145″ /></a> <span style=”font-size: 10pt;”>Radio Ducati 1949</span><br /><span style=”font-size: 10pt;”>per Gentile concessione di Antonello Basilio   </span>                                           <span style=”font-size: 8pt;”> ( Collezionista )</span>

<p><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em style=”color: #800000;”><strong>Il 29 maggio </strong><strong><span style=”color: #800000;”>1927</span></strong>, viene inaugurato lo <strong>stadio Littoriale </strong> successivamente chiamato <strong>stadio Renato Dall’Ara</strong> avanti alla presenza del re d’Italia e una folla di 60 000 spettatori . durante una partita della nazionale di calcio italiana contro quella spagnola finita per 2 – 0 . La particolare<strong> torre di Maratona</strong> che caratterizza lo stadio venne completata il 29 ottobre 1929 ed è alta 42 metri .</em></span></p>

<div class=”mceTemp”>

<div class=”mceTemp”>

<p style=”text-align: center;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em style=”color: #800000;”> <a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/stadio-DalAra-Littoriale-Bologna.jpg”><img class=”alignleft wp-image-4832″ title=”stadio littoriale bologna Renato dall’Ara” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/stadio-DalAra-Littoriale-Bologna.jpg” alt=” &quot;Littoriale e Torre Maratona &quot; Bologna Stadio Dall’Ara” width=”354″ height=”280″ /></a></em></span></p>

<p style=”text-align: center;” align=”center”><em style=”color: #800000;”>Lo stadio di Bologna fu intitolato alla memoria del presidente Renato dall’Ara deceduto tre giorni prima dello spareggio con l’Inter che portò al Bologna f.c. il 7° scudetto nel 1964. La struttura sportiva venne ridotto come capienza di posti a sedere dopo gli interventi di ammodernamento prima dei mondiali del 1990 e omologato a 38 279 posti a sedere, oggi è l’ottavo stadio d’Italia per capienza.</em></p>

<p>”Littoriale e Torre Maratona ” Bologna Stadio Dall’Ara</p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><em><strong>     I Terremoti del 1929 ,</strong> Bologna e provincia fu colpita da una serie di terremoti dalla primavera all’autunno , la prima del 10 aprile causo danni a Bologna e la periferia sud, il 20 aprile vi fu la scossa più forte </em><em>(Quinto grado della scala Richter), vi furono crolli e distruzione nella zona collinare ma anche la città vi sono zone con notevoli danni e case rese pericolanti , furono inviate 40.000 tende. </em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><strong>Durante Seconda Guerra Mondiale La città di Bologna</strong> fu esposta a numerose azioni di bombardamento dovute all’importanza della città come grandissimo centro urbano di raccordo tra nord e centro , ed in particolare il valore strategico del suo nodo ferroviario la resero uno dei principali obiettivi da parte dei comandi Alleati.</em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em style=”color: #800000;”><strong>il 16 lugli</strong>o <strong>1943</strong> ebbe inizio una serie di bombardamenti i cui obiettivi erano strategici, ma con un raggio d’azione talmente vasto da coinvolgere gran parte del tessuto urbano e della popolazione. L’attacco ebbe sulla città effetti devastanti e sconvolse la fisionomia di quartieri del centro storico fino ad allora ancora integro, solo nel bombardamento del <strong>25 settembre 1943 si contarono oltre 1000 morti</strong>.                                                                                           <strong>dal 8 settembre 1943</strong> al 12 ottobre 1944 gli edifici delle Caserme rosse nei pressi degli svingoli ferroviari divennero un campo di concentramento nazista per la raccolta e smistamento di  civili partigiani religiosi e probabilmente anche ebrei , vi transitarono circa 35000 persone che vennero mandati nei campi di concentramente da dove molti non fecero ritorno, il 12 ottobre gli edifici delle caserme rosse cessarono  di funzionare pa causa di un bombardamento degli alleati che causarono molti morti.</em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em style=”color: #800000;”>In quel periodo<strong> Le due Torri più volte tremarono a motivo di bombe cadute a pochissima distanza</strong>, al termine del conflitto Oltre 3000 furono le vittime dei bombardamenti e il 44% del patrimonio edilizio della città era stato distrutto o gravemente danneggiato. Nonostante questo scempio Bologna rimane a oggi una delle poche città con uno dei centri storici più grandi e conservati urbanisticamente in europa.</em></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em> <span style=”color: #800000;”><strong> 1963 </strong>nasce alle porte di Bologna <strong> la Lamborghini</strong> (a sant’Agata Bolognese ) fondata da Ferruccio Lamborghini , il quale inizialmente costruiva trattori agricoli. La fondazione della Auto Lamborghini viene tradizionalmente ricondotta ad una lite, realmente accaduta, fra Enzo Ferrari e Ferruccio Lamborghini per un difetto che quest’ultimo aveva riscontrato nella sua Ferrari da poco acquistata . Enzo Ferrari rispose bruscamente.. “uno che costruisce trattori cosa può saperne di auto ..”..<strong> il 7 maggio 1963 inizio la produzione del settore auto della Lamborghini</strong> che è diventata assieme alla Modenese Ferrari il fiore all’occhiello dell’automobilismo italiano nel mondo.</span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong><strong>1964</strong> </strong>la squadra di calcio del <strong>Bologna football club 1909</strong> Vince il suo <strong>7 ° scudetto</strong> nel campionato italiano Il 3 gennaio </em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong>1974</strong> muore il popolare Bolognese <strong>Gino Cervi</strong> , attore teatrale e doppiatore. Negli anni cinquanta arriva lo straordinario successo con la simpaticissima serie di film in cui Cervi interpreta il sindaco <strong>Peppone</strong> al Fianco di <strong>Don Camillo</strong>, successivamente diventa il protagonista della mitica serie poliziesca televisiva ” Le inchieste del <strong>commissario Maigret “.</strong></em></span></p>

<p><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><strong>il 12 luglio 1967</strong> viene inaugurata la<strong> tangenziale di Bologna</strong> che attraversa tutta la città per oltre 22 km. viaggiando parallela all’autostrada A 14 . fu la prima Tangenziale italiana.</span></em></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>l’11 </strong></span></em><em><span style=”color: #800000;”><strong>marzo 1977</strong></span></em><em><span style=”color: #800000;”> <strong>il clima studentesco a Bologna si surriscalda</strong>, durante i disordini uno studente Francesco Lorusso viene ucciso dai carabinieri, iniziano per la città lunghi giorni di <strong>tumulti saccheggi e incendi</strong> specialmente nella zona universitaria , autobus, auto e altri oggetti vengono messi di traverso sulle strade del centro storico e nella zona universitaria per formare barricate e impedire l’accesso, solo dopo diversi giorni l’esercito intervenuto in modo massiccio con blindati in assetto da guerra riescono ad entrare nella cittadella universitaria e a sedare la rivolta , ma il clima di tensione di quegli anni vissuti da bologna culmina con.</span></em><em><span style=”color: #800000;”>.. </span></em></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>Il 2 agosto 1980</strong></span></em></span><span style=”color: #800000; font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: 12pt;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”> alle ore 10.25 una <strong>bomba esplode alla stazione centrale di Bologna causando 85 morti</strong> e oltre 200 feriti. diventando così purtroppo il più grave attentato terroristico italiano in tempi moderni.</span></em></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”> <span style=”font-size: 12pt;”> <span style=”color: #800000;”><em>Solo un mese prima <strong>il 27 giugno 1980</strong>, <strong>un aereo di linea </strong>Douglas<strong> DC-9 decollato dall’Aeroporto di Bologna</strong> e diretto a Palermo, si squarcia in volo e cade in mare nei pressi dell’isola di <strong>Ustica,</strong> <strong> 81 le vittime,</strong> sciagura rimasta ancora avvolta in un omertoso mistero. Per svolgere le indagini viene recuperato il relitto dalle profondità marine , e nel giugno 2006 viene trasferito in un museo della memoria presso un ex magazzino ATC di Bologna città da cui era partito.</em></span></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”color: #800000;”>Nel <strong>1989</strong> vengono conclusi gli scavi iniziati negli anni 70 per riportare alla luce l<strong>’importante teatro Romano</strong> iniziato in epoca repubblicana <strong>nell’88 a. c.</strong> di notevoli misure<strong> 93 metri di diametro</strong> e in muratura quando altri teatri anche a Roma erano ancora in legno. Sempre nell’89 scavi sotto la sala borsa portarono alla luce resti di una basilica Romana e del Foro. </span></em></span></p>

<p><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em>La mattina del <strong>6 dicembre 1990</strong> un aereo militare d’addestramento perde il controllo , il pilota si butta col paracadute. Ma l’aereo senza controllo centra purtroppo una scuola l’Istituto Tecnico Salvemini di Casalecchio ( periferia di bologna ) e prende fuoco. <strong>Rimangono uccisi 12 giovanissimi studenti</strong>, 72<span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”> ragazzi riporteranno invalidità permanenti.</span></em></span><br /><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”>Il</span><span style=”color: #800000;”> 4 gennaio </span><span style=”color: #800000;”><strong>1991</strong>, Cronaca di Bologna : nel quartiere San Donato zona Pilastro, <strong>la banda della Uno bianca</strong> uccide 3 carabinieri, purtroppo vi sarà una lunga serie di feroci omicidi commessi nella zona di bologna da questa banda , che porterà a 24 il numero totale delle vittime.</span></em> </span><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><strong>1 </strong><strong>Maggio 1994</strong> muore <strong>Ayrton Senna</strong> all’ospedale Maggiore di Bologna in seguito al tragico incidente nel gran premio di formula 1 di Imola , il giorno prima durante le prove era morto un altro pilota <strong> Roland Ratzenberger .</strong></em></span><sup id=”cite_ref-2″ class=”reference” style=”color: #252525;”></sup></p>

<h1><strong> <em><span style=”text-decoration: underline; color: #800000;”><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: 14pt;”><span style=”font-size: 18pt;”>Bologna del XXI° secolo</span> </span></span></em></strong></h1>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: 14pt;”><em><strong>Nel 2000 </strong>Bologna è stata <strong>Capitale</strong> europea <strong>della cultura</strong>. </em></span></p>

<p><span style=”color: #800000; font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em>La sera del 19 <strong>marzo 2002</strong> il Prof. <strong>Marco Biagi</strong> Docente di diritto del lavoro rincasa dal lavoro in bicicletta in pieno centro storico di bologna , l’appoggia al muro per aprire il portone di casa …. ma viene assassinato da un commando di terroristi in agguato .</em></span><br /><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><strong>il 15 settembre 2001</strong> il Bolognese pilota a <strong>Alex Zanardi</strong> diventa noto in tutto il mondo per le impressionanti immagini di un pauroso incidente automobilistico . perderà le gambe … ma , Alex ritrova la forza non solo per tornare a una vita normale, ma alla volontà di <strong>superare i suoi stessi limiti</strong>. Da una tragedia, fa nascere una storia di incredibile successo avendo altre vittorie in varie discipline   sportive ,  Grande esempio di volontà e attaccamento al dono della vita , la vita è Bella  per quello che uno</span><span style=”text-decoration: underline; color: #993300;”> <span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><strong>è</strong></span></span><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”> , e non per quello che uno è in grado di fare o possedere , Alex è un esempio per tutti noi.</span></em></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em><strong> Dal 2006</strong> <strong>è stato conferito alla città il riconoscimento da parte dell’UNESCO di:</strong> </em></span><em style=”color: #800000; font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: 12pt;”><strong>Città CREATIVA DELLA MUSICA . </strong>( per ampliamenti vedi <strong>Sezione n. 5 ” Bologna e la Musica “</strong> in fondo alla pagina )</em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”> <span style=”color: #800000;”><em><strong>Bologna è sempre stata un centro della cultura musicale già dal medioevo in seguito nel 1600</strong> viene fondata l’Accademia filarmonica , <strong>Amadeus Morzart</strong> ,vi viene per si perfeziona musicalmente . Questa grande città ha dato i natali a tantissimi musicisti e cantanti lirici molto noti del passato, adottato il compositori come <strong>Rossini</strong> e il bolognese <strong>Respig</strong><strong>hi</strong></em></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em style=”color: #800000; font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: 12pt;”><strong>Bologna capitale del Jazz</strong></em><em style=”color: #800000;”> : Nei primi del 900 Bologna è stata fra le prime città italiane a diffondere la</em> <strong style=”color: #800000;”><em>cultura del jazz e viene dichiarata Jazz City .</em></strong></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000;”><em>Anche la musica Classica è una eccellenza di Bologna la prestigiosa Orchestra Mozart creata dal grande <strong>maestro Claudio Abbado</strong> recentemente scomparso, ne è una dimostrazione . il fermento creativo musicale di questa città ha portato alla formazione di decine e decine di grandi cantautori e gruppi musicalmente innovativi , primo tra tutti ricordiamo Lucio Dalla. </em></span><em><span style=”color: #800000;”>Girando per il centro di Bologna , ci si imbatte in tante orchestrine jazz . Bologna ha un carisma che la pone come una <strong>New Orleans</strong> Italiana , o una <strong>piccola New York</strong> dell’avanguardia culturale e musicale .</span></em> <span style=”color: #800000;”>( per maggiori dettagli sugli esponenti della musica Bolognese vai nella <strong>sezione N. 5 ” Bologna e la Musica “</strong>in Fondo alla pagina ).</span></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong>Nel 2010</strong> Bologna è stata selezionata assieme ad altre 45 città del mondo per partecipare all<strong>’Esposizione Universale di Shanghai 2010. </strong>Dove è stata protagonista di primo piano con un altissimo gradimento di pubblico. </em></span><br /><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong>luglio 2010</strong> il resto del carlino riporta un intervista del il geofisico <strong>Prof. Enzo Boschi</strong> docente all’università bolognese , che <strong>lancia l’allarme sul rischio crollo delle due torri</strong> , secondo rilevamenti il traffico continuo sotto di esse causano sollecitazioni pericolosissime e movimenti non indifferenti per queste strutture così antiche e ardite , la torre asinelli coi suoi 97,20 è la torre più alta al mondo interamente in muratura . Certo avrebbero bisogno di più rispetto per i loro 900 anni di storia e la loro sicurezza e quella dei cittadini. fermare il traffico dei grandi autobus e pedonalizzare completamente la zona sarebbe un atto doveroso, e fattibile con un pò di buona volontà , visto anche che per circa un anno recentemente le vie sottostanti sono rimaste chiuse per rifacimento stradale senza gravi stravolgimenti nel dover cambiare il percorso degli autobus, perchè non farlo in modo definitivo ?….</em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-size: 12pt; font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong>Il 1 Febbraio del 2011</strong> si spegne all’età di 96 anni l’apprezzato Scultore e Pittore Bolognese <span style=”color: #993366;”><a href=”http://www.cesarinovincenzi.com”><span style=”color: #993366;”><strong>Prof. Cesarino Vincenzi</strong></span></a> </span>, considerato da molti il più grande<strong> esponente della scultura Bolognese del XX sec.</strong></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><em style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Il <strong>1 Marzo 2012</strong> muore improvvisamente <strong>Lucio Dalla </strong>geniale colto e popolare cantante e Musicista Bolognese , lasciando sotto <span class=”st”><em>schoc i Bolognesi e</em></span> tutta l’italia.</em></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>20 maggio 2012 Forte scossa di terremoto colpisce l’Emilia</strong> <strong>magnitudo 6</strong> , epicentro <strong>Finale Emilia</strong> ; <strong>Il 29 maggio una nuova scossa</strong> di <strong>magnitudo 5,8</strong> epicentro<strong> Mirandola</strong> queste scosse hanno causato molti danni alle province di Bologna Modena e Ferrara ,con crollo di chiese edifici pubblici capannoni industriali e centri storici , con un bilancio di <strong>27 vittime</strong> .</span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”>Queste scosse a Bologna hanno causato danni soprattutto alle volte delle chiese come san Petronio che rimarrà chiusa per consolidamento .<strong> Le due Torri hanno oscillato paurosamente</strong> , nella torre Asinelli si è rotto un vetro di un finestrino situato a grande altezza , questo testimonia la forte torsione subita , ma meno male ….resistono ancora ! purtroppo non sarà così per tanti centri storici della bassa Emiliana che sono stati devastati.</span></em></span></p>

<h3 style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: ‘Andale Mono’, Times; font-size: 18pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>Bologna Oggi :</strong> </span></em></span></h3>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”>è il <strong>settimo comune come residenti in italia</strong> <strong>con</strong> <strong>390.198 residenti</strong> , Alla fine degli anni 70 Bologna aveva sfiorato il mezzo milione di abitanti , ma negli anni successivi molti bolognesi si sono spostati nei comuni confinanti. ma il dato di circa 400.000 abitanti odierno non è reale dell’effettiva   popolosità  della città , perché solo nel circoscritto territorio comunale vivono quasi il doppio di persone, ( studenti, lavoratori , stranieri, famiglie ) le quali vivono effettivamente in città ma non risultano  residenti ma solo domiciliati . Inoltre molti comuni inglobati nella zona urbana come Casalecchio o san Lazzaro dove molti bolognesi si sono trasferiti,  sono in effetti sono più quartieri periferici della città che comuni a se , quindi secondo dati aggiornati da Wikipedia solo <strong>nella zona urbana di Bologna</strong> comprese i comuni periferici inglobati nel tessuto urbano Solo<strong> </strong>i residenti<strong> </strong>( senza contare studenti e domiciliati )<strong> sono : 787.147 ( questo pone bologna al 27° posto delle Aree urbane  più popolose dell’unione europea )</strong>  <span style=”color: #0000ff;”>vedi dati </span></span><span style=”font-size: 14pt;”><strong><span style=”color: #0000ff;”><a style=”font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; font-size: small;” href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Aree_urbane_pi%C3%B9_popolose_dell’Unione_europea”><span style=”color: #0000ff;”>wikipedia</span></a></span></strong><span style=”color: #800000;”> . </span></span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>dal 2014</strong> <strong>Bologna</strong> è  tra le grandi<strong> città metropolitane</strong> italiane  includendo l’intera area urbana dei comuni geograficamente attaccati e anche  le cittadine satellite della provincia formando così un unica Grande Bologna con <strong>oltre 1.011.000 di abitanti. </strong></span></em></span></p>

<img class=”wp-image-3049 size-medium” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Bologna-dallalto-400×260.jpg” alt=”Bologna dall’alto” width=”400″ height=”260″ /> Bologna Vista dal satellite

<br />

<h3 style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #993300; font-family: Helvetica;”><em><strong><span style=”text-decoration: underline;”><span style=”font-size: 12pt;”>Bologna e le News:</span></span> <span style=”font-size: 12pt;”>Notizie e attualità più recenti </span></strong></em></span></h3>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: ‘Courier New’, Courier;”> <span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #993300;”><strong>Febbraio 2014 a Bologna</strong></span></em><em><span style=”color: #993300;”> Arriva il dipinto : <strong>’La ragazza con l’orecchino di perla</strong> ‘ è ‘Vermeer- </span></em><em><span style=”color: #993300;”>mania’: prenotazioni record – Oltre all’opera di Vermeer, saranno esposti anche altri capolavori del Seicento olandese.</span></em><em><span style=”color: #993300;”> (Palazzo Fava dall’8 febbraio al 25 maggio ) </span></em></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><span style=”color: #800000; font-size: 12pt;”><strong>N</strong></span><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000;”><strong>ews</strong></span><span style=”color: #800000;”> – Il 15 Ottobre 2014 <strong>Joe Tacopina</strong> Avvocato di New York diventa il <strong>nuovo presidente del bologna calcio</strong> , Vi è Grande entusiasmo tra i Bolognesi perchè dopo un periodo molto travagliato ora si aprono nuovi orizzonti per il futuro del calcio bolognese e un grandioso progetto per la riqualificazione del vecchio stadio storico Dall’Ara. dopo pochi giorni<strong> Joey Saputo</strong> Magnate dei latticini Italo Canadese entra ufficialmente al fianco di Tacopina con grandi finanziamenti per una grande Bologna….</span></em></span></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-size: 12pt;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><strong>Il 9 giugno 2015  </strong>dopo la finale  al cardiopalma  ai play-off  il <strong>Bologna </strong> torna in <strong>Serie A </strong>dopo un anno di purgatorio<strong> . </strong>Il<strong> 20 Settembre</strong> il Presidente<strong> Tacopina di dimette , Joey Saputo </strong>Rimane unico proprietario di rilievo del Bologna calcio<b>,</b> e riconferma le Sue ambizioni per un Grande Bologna . </span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-size: 12pt;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”>il<strong> 19 febbraio 2016</strong> muore a Milano <strong>Umberto Eco</strong> , per circa 40 anni è stato docente  all’università bolognese famoso nel mondo come  scrittore umanista semitologo e filosofo .</span></em></span></p>

<p><span style=”color: #800000;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><strong>3 Novembre 2017</strong> è stato reso ufficiale mediante ufficio stampa dei beni culturali la notizia dell’importantissimo ritrovamento in via Orfeo a Bologna del <strong>c</strong><span class=”text_exposed_show”><strong>imitero Medievale Ebraico.</strong><br />L’importante ritrovamento è venuto alla luce grazie ai lavori di realizzazione di un complesso residenziale e ai successivi scavi archeologici avvenuti tra il 2012 -2014 .<br />Questo cimitero contiene 408 tombe scavate nel terreno ed erano state distrutte dopo il 1569 quando vennero emanate due bolle papali che condannavano le persone di religione Ebraica le quali di conseguenza dovettero lasciare Bologna e lo Stato Pontificio . Questa persecuzione da parte della chiesa aveva l’intento di cancellare qualsiasi memoria della numerosa e colta comunità ebraica presente in città già dal medioevo tanto che successivamente fu dato l’ordine di profanare le tombe togliere le lapidi in marmo e le iscrizioni funebri per renderle anonime .<br />Questo cimitero tornato dall’oblio nonostante l’accanimento verso una minoranza , è stato riconosciuto come il più grande rinvenuto in Italia , ha anche riportato alla luce diversi resti di sepolture di donne bambini e uomini assieme ai loro effetti personali oro e argento e pietre pregiate , e la triste muta testimonianza dei risultati dell’intolleranza verso la libertà di culto e coscienza .<br />( Per saperne di più vedi :<span style=”color: #808080;”> <a style=”color: #808080;” href=”http://www.archeobo.arti.beniculturali.it/comunicati_stampa/bo_cim_ebr_2017.htm?fbclid=IwAR1iOxH025FkM-6mFn4i5SHTC3J2AjKVMmnv1Te_ylcqDt-Aa5kRhtbiVUo” target=”_blank” rel=”noopener nofollow noreferrer” data-lynx-uri=”https://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.archeobo.arti.beniculturali.it%2Fcomunicati_stampa%2Fbo_cim_ebr_2017.htm%3Ffbclid%3DIwAR1iOxH025FkM-6mFn4i5SHTC3J2AjKVMmnv1Te_ylcqDt-Aa5kRhtbiVUo&amp;h=AT26zA8Ehld-z9ZfShmYHznodlieUBuvCIp6RNLXKhrUdQYxBxIgZcZhemd8nKx8MNHpNNcmfhdLXCe8zCzC1FcrHy5T1V6HUuLInBYL8CuMPKiIEBKdxCrfYynAlI8bW4O887Vzm82u_66ATaVJBMZ4vAUFDARr-_7y2B1UuGecz9Y_sICrRbey8OvczPWaxEFvCYvvY62qUZTl7EpFLtw1Yn8QMM-5mUYvado8XLfy2vtcaub3aqrdfIgMUezpEeS886kMbnK6HlQ-ZMOrKH2QaD-6PuDXtQ8YpFCxjAEKEYElJG88olYL2hqZg9MNLWaVNUvJNTxc34JVYdzKnegnZXF0QWpcaxEf9drImZGAwF5aOiXudd4_wTJkDmiM4FskKaL3IWH1ldKKNEZ_TqvenB5fnAbrqXeuE6kUVL_x11_CAXgzdYucowjmwob8RjQSUxa08Msn554xC4mPUniSVMAN10yOv96NG_xxf5dL7kgFecl2nSOAqyRfrY1DQYR_NawckILL6zZN-vb5rj8g8zS0bq-xJpHtcIqOnxf9hy3Pj5CvlthMy5__a6gfx6w3EyIc52O_1dG3KoMUY_Bj6WACCNk359KguIPQjGCibnyvAC1iQHxQs9Uv4g-Phg” data-ft=”{&quot;tn&quot;:&quot;-U&quot;}” data-lynx-mode=”async”>http://www.archeobo.arti.beniculturali.it/…/bo_cim_ebr_2017…</a></span> )<a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/safe_image.jpg”><img class=”aligncenter size-full wp-image-5919″ src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/safe_image.jpg” alt=”safe_image” width=”476″ height=”248″ /></a></span></span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000;”>6<strong> Agosto 2018</strong> Giornata Drammatica per Bologna ;  Sfiorata una strage dalle proporzioni immaginabili.         </span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000;”>Autocisterna che trasporta Gas esplode sul raccordo autostradale a Borgo Panigale . </span><span style=”color: #800000;”>Due Morti , L’autista del camion e un uomo anziano in una delle case del rione che con lo spostamento d’aria è stato sbalzato a terra . </span><span style=”color: #800000;”>I feriti sono stati circa 145 .</span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000;”>Gravissimi e ingenti danni a le abitazione nel raggio di alcune centimaia di metri, con infissi muri divelti, negozi e attività commerciali gavemente danneggiate , anche due autoconcessionari dove tantissime auto esposte nei piazzali hanno preso fuoco esplodendo .  </span><span style=”color: #800000;”><em>Grazie alla prontezza di alcuni Poliziotti che hanno fatto sgombrare le strade adiacenti e fare arretrare i veicoli in trappola nelle corsie autostradali e della tangenziale si è evitata una strage. il ponte austostradale è crollato e le parti della cisterna scagliate a centinaia di metri .             </em></span><span style=”color: #800000;”><em>A tempo di record Bologna si è rialzata e ricostruito il tratto autostradale crollato così da permette all’intera Italia di poter viaggiare senza disagi .</em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000;”><em>QUESTO DISASTRO HA RICHIAMATO ALL’ATTENZIONE IL RISCHIO DI QUESTE BOMBE CHE VIAGGIANO ATTRAVERSO LE NOSTRE CITTA  ( come il caso triste dell cisterna nella ferrovia a Viareggio  ) Altre volte per incidenti a cisterne trasportanti Gas avevano fatto chiudere l’autostrada che passa a Bologna , ed evaquare le abitazioni limitrofe per mettere in sicurezza la zona, ed era andata bene !</em></span></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800000;”><em>Putroppo i Cieco profitto e logiche di interessi sono spesso al di sopra della vita umana ! </em></span></p>

<p style=”text-align: center;” align=”center”><em>nel Video alcune immagini impressionanti.</em></p>

<p><iframe style=”border: none; overflow: hidden;” src=”https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Ffanpage.it%2Fvideos%2F2446509115370748%2F&amp;show_text=0&amp;width=476″ width=”476″ height=”476″ frameborder=”0″ scrolling=”no” allowfullscreen=”allowfullscreen”></iframe>   <em><span style=”font-family: Verdana, Geneva;”><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 14pt;”>                                                                                                                                                  Verso il 20 <strong>Febbraio del  2020</strong> iniziano a Bologna i primi casi di Covid 19 , Bologna e tutta la regione risulteranno tra le più colpite (dopo la regione Lombardia) con centinaia di morti e migliaia di casi .</span></span></em></p>

<hr />

<h2 style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-size: 12pt; color: #333300;”><strong>DI SEGUITO POTRETE TROVARE ALTRI ASPETTI INTERESSANTI SU BOLOGNA</strong></span></h2>

<h2 style=”text-align: center;” align=”center”><span style=”font-size: 14pt; color: #333300; font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino;”><strong>nelle seguenti sezioni che ampliano gli argomenti in ordine tematico .</strong></span></h2>

<h1 style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”color: #800080; font-size: 24pt;”><strong> <span style=”color: #800000; font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino;”>1 ° <span style=”font-size: 18pt;”>SEZIONE </span></span><em><span style=”color: #800000;”><span style=”font-size: 18pt;”> – </span></span><span style=”text-decoration: underline; color: #800000;”>Le Torri Medievali di Bologna : </span></em></strong></span></h1>

<p style=”text-align: center;” align=”center”><span style=”color: #800000; font-family: ‘Times New Roman’, Times; font-size: 18pt;”><em><strong>Bologna … UNA “SELVA DI TORRI ” …. </strong></em></span></p>

<ul>

<li style=”text-align: center;”><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino; font-size: 14pt; color: #993300;”><strong><span style=”vertical-align: inherit;”><span style=”vertical-align: inherit;”>una “Manhattan del Medioevo”</span></span></strong></span></li>

</ul>

<p align=”center”><em><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/ricostruzione-bologna.jpg”><br /><img class=”wp-image-1185 aligncenter” style=”width: 535px; height: 263px;” title=”ricostruzione bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/ricostruzione-bologna-400×198.jpg” alt=”” width=”400″ height=”198″ /></a><span style=”font-size: small;”>Ricostruzione di Bologna la Turrita</span> </em></p>

<p style=”text-align: left;” align=”center”><span style=”font-family: Terminal, Monaco; color: #800000; font-size: 12pt;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong>Storia di Bologna le sue torri :</strong> Tra i sec. XI e XII a Bologna le torri erano numerosissime , la tradizione dice <strong>180</strong> addirittura 200 torri, ma secondo più recenti studi forse un centinaio</em></span></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>Le torri avevano una funzione sia gentilizia che militare: erano cioè uno strumento di difesa sia di offesa nel periodo della lotta tra le fazioni guelfe e ghibelline. <strong>Erano anche per così dire uno “</strong><strong>status symbol “</strong><strong> di potere e ricchezza,</strong> più erano alte e più testimoniavano il potere della persona o famiglia che l’aveva costruita.<br />Molte delle numerosissime torri bolognesi erano costruite vicinissime una dall’altra , era costruzioni ardite , a volte per ricavare dello spazio ad esempio come granaio nella base della torre internamente venivano tolti mattoni per allargare lo spazio minando però la solidità , non mancavano i crolli , spesso venivano abbattute o mozzate perché pericolanti , o troppo pendenti come ad esempio la Garisenda. <strong>il 7 maggio 1201</strong> secondo le cronache . un cupo boato fece sussultare l’intera città. la torre Alberici situata molto vicina alla Asinelli <strong>collassa improvvisamente</strong> franando sulle case situate ai piedi delle torri , la gente correva e urlava dicono le cronache , il polverone sollevato non permetteva di capire cosa era successo , ma diradato ci si accorse che la casa di <strong>Pietro Asinelli</strong> capostipite della omonima famiglia era rimasta sepolta dalle macerie della torre confinante , scavando per giorni furono trovate 37 cadaveri compreso Pietro Asinelli, si salvò solo un garzone che al momento del crollo si trovava in cantina, una volta portato in salvo cantava felice, perché durante tutto il periodo che era rimasto bloccato nei sotteranei della cantina aveva solo del vino da bere .</em></span></p>

<h2><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><strong>Leggenda sulla  Torre Asinelli: </strong></span></em></span></h2>

<p><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><strong> </strong>Agli  inizi del XII secolo viveva a Bologna un giovane, che per lavoro  trasportava sabbia e ghiaia dal fiume Reno ai cantieri della città, questo ragazzo  era soprannominato Asinelli a causa degli asini che tiravano il  suo carro.  </span></em></span><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”>Un giorno, in  città, vide una fanciulla bellissima affacciata ad una finestra e si innamorò perdutamente di lei. Il padre della ragazza, appartenente ad una ricca e famiglia  gli disse  in tono di scherno che avrebbe concesso la mano della figlia solo se avesse dato come  dote la torre più alta della di Bologna.  </span></em></span><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”>Il giovane si allontanò triste , … ma un giorno, mentre caricava sabbia vicino al fiume  vide qualcosa che luccicava, erano monete d’oro, si mise a scavare e trovò un tesoro. </span></em></span><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”>Subito andò da un  capomastro e gli ordinò la costruzione di una torre altissima che fu terminata in nove anni , il giovane Asinelli poté sposare la sua bella.</span></em></span></p>

<p><em><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><strong>Leggenda sulla  Torre Garisenda:</strong></span></em></p>

<p><span style=”font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><strong> </strong>Anche la vicina torre Garisenda ha una sua leggenda  : Dicono  che la torre sia parzialmente crollata durante la costruzione poiché la famiglia committente voleva che girasse attorno  a spirale  alla vicina Asinelli.</span></em></span></p>

<p><span style=”color: #800000;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><strong>Un altra leggenda dice</strong> che le due famiglie fecero a gara a chi costruisse la torre più alta , La torre Garisenda  divenne più alta , ma a causa di un cedimento del terreno fu mozzata. ma nella realtà la torre Garisenda  non superò mai l’ Asinelli , ma realmente a causa del terreno instabile fu abbassata per  sicurezza.</span></em></span></p>

<p><img class=”alignleft” src=”http://tizianoarte.files.wordpress.com/2013/11/selva-turrita-bologna-medioevo.jpg” alt=”” width=”352″ height=”454″ /> <span style=”color: #ff6600;”><em><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino; font-size: x-large; color: #800080;”><strong>BOLOGNA</strong> è soprannominata</span></em></span></p>

<p style=”text-align: right;”><span style=”color: #993366;”><em><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino; font-size: x-large;”><span style=”color: #800080;”>”<strong>LA TURRITA</strong> “per le sue torri</span>.</span></em></span></p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”color: #800080;”><em><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino; font-size: x-large;”>”<strong>LA DOTTA</strong>”.. per la sua antica università</span></em></span></p>

<p style=”text-align: right;”><span style=”color: #800080;”><em><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino; font-size: x-large;”>”<strong>LA GRASSA</strong> “… per la sua Cucina</span></em></span></p>

<p style=”text-align: center;”><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/12/bononia-città-buona-bologna-.jpg”><img title=”bononia città buona bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/12/bononia-città-buona-bologna-.jpg” alt=”” width=”213″ height=”218″ /></a></p>

<p style=”text-align: center;”>Piccola formella in terracotta : ” Bononia “</p>

<p style=”text-align: left;”>la formella in terracottaa sinistra riproduce questa selva di Torri</p>

<p style=”text-align: center;”><strong><span style=”font-family: Andale Mono, Times; font-size: medium;”><span style=”font-size: 14pt;”>VIAGGIO TRA LE TORRI MEDIEVALI DI BOLOGNA DEL 1300</span></span></strong></p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”color: #800080;”><a style=”color: #800080;” href=”https://www.facebook.com/museorealtavirtuale/videos/vl.1923019974677844/1488881224567995/?type=1″>LA MACCHINA DEL TEMPO Via Zamboni 7  Bologna</a></span></p>

<p style=”text-align: center;”>Questo e altri video anticipano la’esperienza unica che si può fare con la realtà virtuale in 3 D girando e volando tra le torri medievali di Bologna.</p>

<p style=”text-align: center;”> </p>

<p>https://youtu.be/FQWBoQ94UKA</p>

<p>https://youtu.be/jXYo0XOZGSc</p>

<p><em style=”color: #993300;”><span style=”font-size: large;”><span style=”font-family: Georgia;”><strong> </strong></span></span></em><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/12/ricostruzione-bologna-oggi1.jpg”><img class=”wp-image-1355 alignleft” title=”ricostruzione bologna oggi” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/12/ricostruzione-bologna-oggi1.jpg” alt=”” width=”326″ height=”194″ /></a><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/le-torri-medievali-di-bologna-veduta.jpg”><img class=”aligncenter wp-image-4742″ src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/le-torri-medievali-di-bologna-veduta-400×280.jpg” alt=”le torri medievali di bologna veduta ricostruzione” width=”296″ height=”207″ /></a><br />Bologna oggi immagine da ricostruzione virtuale Bologna nel medioevo ricostruzione virtuale ( riprese da ricostruzioni di Cineca Bologna )</p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”>O<strong>GGI A BOLOGNA SONO RIMASTE ANCORA 23 TORRI MEDIEVALI  .</strong></span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; color: #800000;”>Alcune sono Grandi e ben visibili all’occhio attento , non solo le due Famose e simbolo della città , ma anche la Prendiparte alta oltre 60 metri l’Azzoguidi 60 metri, molte alte torri alte oltre 30 metri come la ” Scappi e la  Galluzzi ” ma tante altre .</span></p>

<p><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; color: #993300;”>Questo bassorilievo in terracotta le riproduce mettendole vicino in un contesto medievale assieme a case mediaevali ancora esistenti :</span></em></p>

<p><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/23-torri.jpg”><img class=”aligncenter size-large wp-image-5920″ src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/23-torri-1024×469.jpg” alt=”23-torri” width=”1024″ height=”469″ /></a></p>

<p>Da sinistra il nomi delle 23 torri ancora esistenti : Galluzzi, Alberici, Agresti, Accorsi, Lapi, Lambertini, Arengo, Azzoguidi, Prendiparte, Guidozagni, Ugozzoni, Garisenda , Asinelli , Perle, Toschi,Scappi, Conoscenti, Catalani, Ramponi , Ghisilieri, Bertolotti, Catalani, Oseleti.</p>

<p>alcune torri minori come dei catalani rese più alte, e con qualche modifica alla parte in alto per renderle un pò più come potevano essere nel medioevo.</p>

<p style=”text-align: center;”>—————————————————————————————</p>

<h1 style=”text-align: center;”><span style=”font-size: 18pt; color: #800000;”><em><strong>Sezione 2 ° </strong></em></span><span style=”font-size: 18pt; color: #800000;”><em><strong><span style=”text-decoration: underline;”> Bologna come Venezia </span></strong></em></span></h1>

<p style=”text-align: center;”><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong>Camminando tra i vicoli del centro storico di bologna anche oggi ci si può imbattere in questa immagini suggestive e inaspettate . corsi d’acqua … canali …. a Bologna ?</strong></em></span></p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”font-size: 12pt; color: #800000;”><em><span style=”font-family: Terminal, Monaco;”><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/12/canale-delle-moline-o-di-reno-bologna.jpg”><span style=”color: #800000;”><img class=”wp-image-1080 alignleft” title=”canale delle moline o di reno bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/12/canale-delle-moline-o-di-reno-bologna.jpg” alt=”” width=”288″ height=”394″ /></span></a></span></em></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>Il complesso sistema di approvvigionamento idrico di cui era dotata la città, mediante una sviluppata rete di canali tra le più avanzate in Europa (i principali erano il Canale Navile, il canale di Reno e il Canale di Savena), si riforniva d’acqua dai torrenti Savena e Aposa e dal fiume Reno. Il sistema dei canali di Bologna è stato creato allo scopo di collegare la città con il fiume Po e per fornire acqua ed energia meccanica agli opifici della città, e per il trasporto delle merci La rete idrica bolognese fu sviluppata gradualmente tra il XII ed il XVI secolo, Secondo numerosi storici della rivoluzione industriale il mulino da seta alla bolognese rappresenta un importante modello di sistema protoindustriale che permise a Bologna di commercializzare filati in tutta Europa attraverso il Canale Navile. questa Formella in Terracotta a sinistra , colorata solo nella parte che raffigura l’acqua del canale delle Moline riproduce in argilla questo canale ancora visibile a bologna <a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Porto-di-Bologna-Pio-Pamfili.jpg”><span style=”color: #800000;”><img class=”alignleft” style=”width: 307px; height: 250px;” title=”Porto-di-Bologna-incisione di Pio-Pamfili” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Porto-di-Bologna-Pio-Pamfili-400×285.jpg” alt=”” width=”30″ height=”21″ /></span></a><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/248046_10200985097207902_1562642238_n.jpg”><span style=”color: #800000;”><img class=”alignright” style=”width: 321px; height: 246px;” title=”Lavandaie al lavoro nel canale di reno di bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/248046_10200985097207902_1562642238_n-400×280.jpg” alt=”” width=”80″ height=”56″ /></span></a> Il Porto di Bologna fu uno dei più importanti come volume di traffico , 2500 navi con volume di 200.000 tonnellata di merce in movimento all’anno.</em></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>* 2 – vedi Nota Calce </em></span></p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>la fotografia d’epoca a destra mostra le lavandaie sulle sponde del canale di reno a Bologna</em></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000;”><em><span style=”font-family: Terminal, Monaco;”><a href=”http://ibc.regione.emilia-romagna.it/istituto/progetti/mostre/mostre-itineranti/donne-e-lavoro-un-identita-difficile/donne-e-lavoro-unidentita-difficile/3.jpg/view”><span style=”color: #800000;”>( Foto tratta da Collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna)</span></a> </span></em></span></p>

<a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Aposa-Bologna-e1465475477235.jpg”><img class=”wp-image-4992″ title=”sotteranei di bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Aposa-Bologna.jpg” alt=”Aposa Bologna” width=”281″ height=”239″ /></a> torrente Aposa veduta sotteranea all’altezza di via Rizzoli in alto si vede l’arco dell’antico ponte romano. riproduzione in terracotta

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000;”><em><span style=”font-family: Terminal, Monaco;”><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><strong>La flotta bolognese raggiunse dimensioni ragguardevoli,</strong> al punto da sconfiggere quella della Serenissima: <strong>nel 1271</strong> fu combattuta una battaglia navale , nelle acque del Po di Primaro, in cui i bolognesi sconfissero i veneziani e ottenendo dazi favorevoli al commercio bolognese. Di certo i canali erano luoghi male odoranti e putridi spesso vi si trovavano anche cadaveri , nonostante queste frequenti ordinanze , i bolognesi continuarono per secoli a farvi il bagno a lavarci i panni e addirittura a bere queste acque , secondo cronache dell’epoca i bolognesi descrivevano migliori i fagioli cotti con l’acqua dei canali perché più saporiti , molte ordinanze cercarono di vietare queste pratiche comuni a inutilmente . <strong>Nel XVII secolo</strong> (iniziata la decadenza del settore) erano ancora in funzione entro le mura della città 119 mulini da seta mossi da 353 ruote. <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Canali_di_Bologna”><span style=”color: #800000;”>( Wikipedia )</span></a> I canali attraversavano molte zone del centro che percorrendo potevano ricordare Venezia , <strong>il numero dei ponti dentro le mura del centro circa 50 rendono l’idea di come Bologna fosse una città di acque.</strong> </span></span></em></span><span style=”color: #008080; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”font-size: 12pt; color: #800000;”>sotto pianta della zone del centro storico dove scorrevano gli antichi canali , che <strong>agli inizi del 900 furono quasi interamente tombati</strong> , ma che scorrono ancora nei sotteranei , ma sono ancora visibili in alcuni punti del centro Recentemente sono stati organizzati delle manifestazioni e tour perr visitare i sotteranei di Bologna , molto bello quello che risale il Torrente Aposa. come riprodotto nella formella in terracotta. visibile qui a destra .</span></em></span><br /><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2014/01/Canale-Moline-canale-di-Reno.jpg”><img class=”alignleft wp-image-1653″ title=”Canale Moline canale di Reno” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2014/01/Canale-Moline-canale-di-Reno.jpg” alt=”” width=”348″ height=”240″ /></a><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/pianta-dei-canali-di-bologna.jpg”><img class=”aligncenter” style=”width: 429px; height: 304px;” title=”pianta dei canali di bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/pianta-dei-canali-di-bologna-400×310.jpg” alt=”” width=”400″ height=”310″ /></a></p>

<p><em><span style=”font-size: medium; font-family: Georgia, Palatino;”><strong>sotto potete vedere un interessante Cartone in 3 D che ricostruisce il corso dei canali di bologna …. </strong></span><strong><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: medium;”>interessante ! da vedere ! … da vedere </span></strong></em><strong> !</strong> <iframe src=”//www.youtube.com/embed/Ihx5rb3n6pA?rel=0″ width=”560″ height=”315″ frameborder=”0″></iframe></p>

<p style=”text-align: center;”>Video di un Cartone che ricostruisce in 3 D il canale di Reno di Bologna</p>

<p style=”text-align: center;”>—————————</p>

<h2 style=”text-align: center;”><span style=”font-size: 18pt; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; color: #800000;”>3 ° Sezione – <span style=”text-decoration: underline;”> I Portici le Case e i Palazzi Bolognesi</span></span></h2>

<p><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/case-storiche-di-bologna.jpg”><img class=”aligncenter wp-image-5076″ title=”casa isolani mercanzia palazzo grassi bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/case-storiche-di-bologna.jpg” alt=”case storiche di bologna” width=”437″ height=”207″ /></a></p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”font-size: large; color: #993300;”><strong>Palazzo della Mercanzia</strong></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>Palazzo Mercanzia riprodotto al centro di questo bassorilievo qui a destra, era conosciuto anche come</em></span></p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”font-size: 12pt; color: #800000;”><em><span style=”font-family: Terminal, Monaco;”><strong>Loggia dei Mercanti</strong> o <strong>Palazzo del Carrobbio</strong>, si affaccia <a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/piazza-e-palazzo-della-mercanzia-bologna-.jpg”><span style=”color: #800000;”><img class=”alignright” style=”width: 321px; height: 241px;” title=”piazza e palazzo della mercanzia bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/piazza-e-palazzo-della-mercanzia-bologna–400×300.jpg” alt=”” width=”400″ height=”300″ /></span></a></span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;”><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>nel suggestivo angolo medievale di piazza della mercanzia.</em></span></p>

<p style=”text-align: left;”><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>circondati da case medievali con il tradizionale portico in legno </em></span><em>tipico del medioevo bolognese.</em></span></p>

<p style=”text-align: left;”><span style=”font-size: 12pt;”><em>Dalla fine del XIV secolo alla fine del XVIII è stato la</em></span></p>

<p style=”text-align: left;”><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em><span style=”vertical-align: inherit;”><span style=”vertical-align: inherit;”>sede dell’università mercanti.</span></span></em></span></p>

<p style=”text-align: left;”><span style=”font-size: 12pt;”><span style=”color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>A partire dal 1797, con l’occupazione francese, diviene </em></span><em>la sede della Camera di Commercio.</em></span></p>

<h2 style=”text-align: center;”><span style=”color: #993300;”>Casa Isolani</span></h2>

<p><span style=”color: #993300; font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em>è un bellissimo palazzo medievale<strong> tipico bolognese del del XIII sec.</strong> all’epoca le costruzioni civili avevano un porticato con colonne di legno di quercia, questa casa era particolare a motivo delle portico sostenuto da altissime <strong>colonne di 9 metri</strong> . vedi illustrazioni</em>,</span><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/casa-isolani.jpg”><br /></a></p>

<p style=”text-align: right;”><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/corte-isolani.jpg”><img class=”size-medium wp-image-5864 alignright” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/corte-isolani-300×400.jpg” alt=”corte-isolani” width=”300″ height=”400″ /></a></p>

<h2 style=”text-align: center;”> </h2>

<a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Casa-Isolani-Bologna.jpg”><img class=”wp-image-5080 size-medium” title=”Corte Isolani Bologna” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Casa-Isolani-Bologna-270×400.jpg” alt=”Casa Isolani Bologna” width=”270″ height=”400″ /></a> piccola scultura in terracotta colorata che riproduce il bellissimo palazzo Isolani di Bologna con le sue tipiche colonne in legno di quercia

<br />

<h2 style=”text-align: center;”> </h2>

<h2 style=”text-align: center;”><span style=”color: #993300;”>Palazzo Bocchi</span></h2>

<h2 style=”text-align: center;”><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/palazzobocchi6.jpg”><img class=”alignleft wp-image-3298″ src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/1041-400×246.jpg” alt=”1041″ width=”244″ height=”150″ /><img class=”wp-image-3297″ src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/palazzobocchi6-400×266.jpg” alt=”palazzobocchi6″ width=”290″ height=”190″ /></a><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/palazzobocchi4.jpg”><img class=”wp-image-3299″ src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/palazzobocchi4-400×266.jpg” alt=”palazzobocchi4″ width=”275″ height=”183″ /></a></h2>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #993300;”>In via Goito cè un bellissimo palazzo massiccio progettato da Jacopo Barozzi da Vignola, e terminato nel 1546 . il propietario era un famoso e stimato dell’umanista bolognese <strong>Achille Bocchi (1488 – 1562</strong>), e divenne presto sede dell’accademia da lui fondata .</span></em></span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”><em><span style=”color: #993300;”>significative le parole incise nello Lo zoccolo dell’edificio , unico caso in Italia e in Europa di iscrizione in ebraico su un edificio , nel lato sinistro in caratteri ebraici viene citato un versetto del salmo 120 :1 <strong>”Yahweh liberami dalle labbra menzognere e dalla lingua ingannatrice”;</strong> nell lato destro una citazione tratta dalla I Epistola di Orazio, dice: <strong>”Sarai re, dicono, se agirai rettamente”. </strong>Certamente questi pensieri fanno capire che questo insegnante e umanista universitario era una persona di grande spessore morale .</span></em></span></p>

<h2><span style=”color: #800000;”><strong><em><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino; font-size: 18pt;”>Sezione 4 – BOLOGNA LA DOTTA <span style=”text-decoration: underline;”>Bologna e L’Università</span></span></em></strong></span></h2>

<h3 style=”text-align: center;”><span style=”font-size: 14pt; color: #993300;”><strong><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”><em>” Alma Mater Studiorium ” </em></span></strong></span></h3>

<p><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”>Bologna Viene <strong>chiamata la dotta</strong> , per la sua famosa e prima università d’europa ; </span></em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><em>La Famosa <strong>” Alma Mater Studiorium “</strong></em></span></p>

<p><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><strong>Anche oggi Bologna ha una università tra le più famose e prestigiose al mondo</strong> , anche oggi come quando venne fondata ( si presume nel 1088 ) è meta di studenti da tutto il mondo . Israele , Stati Uniti , Cina solo per menzionarne alcuni.</span></em></p>

<p><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”>Bologna è sempre stata città all’avanguardia aperta colta e dotta a motivo del fermento universitario , e dello scambio di idee e culture , nel corso dei secoli ha portato a bologna grandi innovazioni nel campo medico scientifico umanista che hanno portato molto progresso all’umanità. Bologna è città universitaria con oltre 100.ooo studenti ufficialmente iscritti , ma altre decine di migliaia che gravitano studiano e hanno scelto questa città ” carismatica ” come centro di cultura e attività.</span></em></p>

<p><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><strong>Nel Medioevo i primi studenti</strong> venivano istruiti nelle case nobiliari , successivamente altre attività universitarie vennero tenute nel palazzo della mercanzia poi a metà del 1500 venne costruito il palazzo dell’Archiginnasio .</span></em></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><em><strong>I primi studiosi documentati</strong> sono <strong>Irnerio</strong> e <strong>Pepone, </strong></em><em><strong>nel 1158 Federico I</strong> promulga la Costitutio Habita con cui l’Università diventa, per legge, un luogo dove la ricerca si sviluppa indipendentemente da ogni altro potere. </em></span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt; color: #800000;”><em>La fama dello<strong> Studium</strong> si diffuse in tutta Europa e molti dotti inglesi come <strong>Thomas Becket</strong>. Altre Persone celebri che studiarono a Bologna furono <strong>Pico della Mirandola</strong> e <strong>Leon Battista Alberti</strong>, vi studiarono diritto canonico, nel 1506 <strong>Erasmo da Rotterdam</strong>, in quel periodo <strong>Niccolò Copernico</strong>, che fu membro della Egli studiava diritto pontificio, ma iniziò anche i suoi studi astronomici., poi fu la volta di : <strong>Paracelso, Abrecht Dürer, San Carlo Borromeo, Torquato Tasso, Carlo Goldoni</strong>. fra le prime donne  a ottenere una cattedra come docente  ci fu la bolognese  <strong>Laura Bassi</strong> 1711 – 1778 che rompendo ogni schema e pregiudizio dell’epoca con coraggio e determinazione si impose nel campo della fisica </em></span></p>

<p style=”text-align: center;”><em>sezione ancora in fase di lavorazione</em></p>

<h1 style=”text-align: center;”><strong><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino;”><span style=”font-size: 18pt; color: #800000;”>SEZIONE 5° – </span><span style=”text-decoration: underline;”><span style=”font-size: 18pt; color: #800000; text-decoration: underline;”> BOLOGNA e la MUSICA </span></span></span></strong></h1>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>Bologna è sempre stata un centro della cultura musicale già dal 1600 quando viene fondata l’Accademia filarmonica , in seguito <strong>Amadeus Morzart</strong> , si perfeziona musicalmente e spesso torna a Bologna per i forti legami Musicali che nutriva . Questa grande città ha dato i natali a tantissimi musicisti e cantanti lirici molto noti del passato, adottato il compositori come <strong>Rossini</strong> e il bolognese <strong>Respig</strong><strong>hi</strong></em></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>Già dal Medioevo Bologna era al centro della cultura musicale , prima<strong>del </strong><strong>1340 nasce a Bologna <strong>Jacopo</strong> <strong>da Bologna</strong> , </strong>che diverrà uno dei maggiori<strong> compositori medievali </strong>italiani<strong> ,</strong> conosciuto e richiestissimo da varie corti in particolare dei Visconti di Milano,è fra i primissimi ad avere composto brani polifonici soprattutto madrigali . Fu innovativo musicando anche testi del Petrarca.</em></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>Bologna ha innovato e creato strumenti Musicali , Verso il 1600 esperti Liutai innovarono la Viola da gamba , ne risultò il Meraviglioso Violoncello , sempre in quel periodo venne eseguita a bologna una Arpa innovativa a tre file , meravigliosa ! nel <strong>1853 a Budrio </strong>vicino Bologna nasce <strong>” L’Ocarina “</strong> un nuovo, singolare e simpatico strumento musicale<strong><a href=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Ocarine-di-Budrio.jpg”><span style=”color: #800000;”><img class=”wp-image-3041 alignright” src=”http://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/2013/11/Ocarine-di-Budrio-400×261.jpg” alt=”Ocarine di Budrio” width=”184″ height=”120″ /></span></a></strong> l’inventore fu <strong>Giuseppe Donati</strong> musicista e pasticcere, questo strumento é completamente in terracotta formata da un fischietto e una corpo a forma bombata con vari fori per formare le note, a seconda delle dimensioni dell’Ocarina varia il tono del suono più o meno grave, diverse Ocarine di dimensione e tonalità possono formare una vera orchestra , infatti anche oggi vi é un Gruppo “Ocarinistico” che gode di popolarità mondiale</em></span></p>

<p><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>Nei primi del 900 è Bologna capitale del Jazz : è stata fra le prime città italiane a diffondere la<strong style=”color: #800000;”>cultura del jazz </strong>molti musicisti di calibro internazionale che qui sono nati o vi si sono stabiliti o formati, come Paolo Fresu, Jimmy Villotti, Teo Ciavarella, la Doctor Dixie Jazz Band, Nardo Giardina , Moris Fabbri, ecc. <strong style=”color: #800000; font-style: italic;”>Spesso hanno suonato in città i grandi trombettisti Chet Baker e Louis Armstrong</strong>, <b style=”color: #800000; font-style: italic;”>Miles Davis</b>, <strong style=”color: #800000; font-style: italic;”>Ella Fitzgerald</strong>, Charles Mingus e il Pianista compositore jazz Bolognese <strong>Marco Di Marco</strong>. il 16 giugno 2005 muore a Bologna <strong>Henghel Gualdi</strong> musicista e clarinettista italiano, molto conosciuto anche all’estero, è da molti ritenuto il miglior clarinettista jazz italiano di tutti i tempi assieme a Lucio Dalla. Bologna è Stata riconosciuta a ragione col titolo di <strong>Capitale culturale della musica Europea</strong> per la sua poliedricità e creatività musicale , che vanno dalla musica Classica con la prestigiosa Orchestra Mozart è una realtà unica creata dal grande <strong>maestro Claudio Abbado</strong> recentemente scomparso . o al fermento creativo musicale di <strong>Cantanti Cantautori e Musicisti di fama europea e mondiale vivono e operano in questa città</strong>: <strong> Lucio Dalla </strong> (scomparso recentemente) , <strong>Gianni Morandi, Luca Carboni, gli Stadio, Gaetano Curreri, Cesare Cremonini, Samuele Bersani, Andrea Mingardi, Iskra Menarini, Vasco Rossi, Francesco Guccini, </strong><strong><a href=”http://www.youtube.com/watch?v=uWqHxtvC8TA”><span style=”color: #800000;”><span style=”color: #993366;”>Enrico Cifiello</span> </span></a> </strong>( definito il Maicol Bublé Italiano ), <strong>Riccardo Fogli,Silvia Mezzanotte</strong> , <strong>Paola Matarrese</strong> , Cristina Zavalloni , Barbara Cola, Cristina D’Avena , Gloria Bonaveri , Claudi Lolli , i Pooh, Dodi Battaglia, Maurizio Solieri , Riky Portera , Paolo Mengoli, Freak Antoni Skiantos , Beppe Maniglia,<strong> Alessia Raisi</strong> divenuta famosa in Cina con la versione di <strong><a href=”https://www.youtube.com/watch?v=rCoeAMd-GlA&amp;feature=youtu.be”>”Volare” in cinese</a>. ” Fei Xiang Lan Tian” <span style=”color: #993300; font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino;”>” </span></strong></em></span><span id=”eow-title” class=”watch-title ” dir=”ltr” style=”font-size: 10pt; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; color: #993300;” title=”Nel Blu Dipinto Di Blu – 飞向蓝天 – Volare”><strong><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino;”>飞向蓝天 “</span> </strong> </span><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em><strong> </strong> . Pia Tuccitto , Fio Zanotti , Neffa , Moltheni , Gaznevada , Marta sui tubi , GemBoy , Canzoniere delle Lame , Garden House , Joe Cassano, Inoki , lo Stato Sociale e tantissimi altri si aggiungono molti musicisti di fama mondiale che vanno dal classico jazz al rock e contemporanea .<span style=”font-size: 14pt;”> <strong>Girando per il centro di Bologna</strong> specialmente nel fine settimana , ci si imbatte in tante <strong>orchestrine jazz</strong> o di altro genere che suonano sotto i portici o agli angoli delle <span style=”font-size: 12pt;”>piazze, non manca mai il noto <strong>Beppe Maniglia</strong> che è stato il precursore di queste performance di piazza nella città. Tutto questo dona a Bologna un carisma che la pone come una <strong>New Orleans</strong> Italiana , o una <strong>piccola New York</strong> dell’avanguardia culturale e musicale.     </span></span></em></span><span style=”font-size: 12pt; color: #800000; font-family: Georgia, Palatino;”><em>Anche il Giovane Tenore  <strong>Ignazio Boschetto del trio ” Il Volo “</strong> è nato a Bologna e cresciuto a Molinella di Bologna , in età adolescienziale  si è trasferito con i genitori in Sicilia , da dove i genitori provenivano , ma in tempi recenti è tornato a vivere a Bologna per motivi logistici.  Al festival di Sanremo 2018 si sono fatti conosce dal grande pubblico arrivando secondi in classifaca il gruppo Bolognese <strong>” Stato Sociale “</strong> .</em></span></p>

<h2><span style=”color: #800000;”><strong><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino; font-size: 18pt;”>SEZIONE N. 6 – <span style=”font-size: 24pt; color: #800000;”>Bologna e la Pittura  </span></span></strong></span></h2>

<p><em><span style=”font-size: 10pt;”>Sezione in fase di realizzazione , pittura barocca , Guido Reni Carracci ecc ecc</span></em></p>

<p><span style=”font-family: ‘Book Antiqua’, Palatino; color: #800000; font-size: 18pt;”>SEZIONE 7</span></p>

<h1><span style=”color: #800000; font-size: 12pt;”>RE ENZO DI SVEVIA – Il BARBAROSSA – l’IMPERATORE FEDERICO II° – i RAPPORTI COL IL COMUNE DI BOLOGNA – il Palazzo ” RE ENZO “</span></h1>

<p><span style=”color: #993300;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Nel 1176 per difendersi dalle mire di Federico I° detto il Barbarossa il comune di Bologna fece costruire quattro chilometri di mura con fossato, il Barbarossa si scontrò e conquistò molti comuni del nord Italia che volevano preservare la loro autonomia ma non riusci mai ad entrare nella Città di Bologna . Una leggenda vuole che il Barbarossa  ammalatosi nella localita chiamata in seguito Medicina vicino a Bologna , mentre beveva un brodo , vi cadde dentro una serpe , e l’intruglio lo fece guarire dalla malattia , per questo diede il singolare nome alla località.</span></em></span></p>

<p><span style=”color: #993300;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Il comune di Bologna fu in quei molti decenni protagonista in queste lotte.</span></em></span><br /><span style=”color: #993300;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Il nuovo Imperatore Federico II° di Svevia nipote del Barbarossa, uomo colto e amante dell’Arte </span></em></span><br /><span style=”color: #993300;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>( fra le tante fece erigere il famoso Castel Del Monte in Puglia ) nipote del Barbarossa continuò la Guerra con i Comuni del nord Italia prima appoggiato dal Papa ma successivamente osteggiato e scomunicato.</span></em></span></p>

<p><span style=”color: #993300;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Fu In una di queste battaglie nella primavera del 1249 che i Bolognesi “Guelfi” attaccarono Modena e nella battaglia di Fossalta vicino a Modena catturano “ Re Enzo di Svevia re di Sardegna “ il figlio prediletto ( pro nipote di Barbarossa ) catturarono anche 1200 fanti 400 cavalieri e condottieri celebri di altri comuni ghibellini, tutti vennero portati Trionfalmente in città . Fu un vero smacco per suo Padre Federico II° l’Imperatore del Sacro Romano Impero, il quale scrisse più volte ai Bolognesi perché suo figlio venisse liberato, alternando le lusinghe alle minacce, offrendo anche un cospiquo riscatto , ma i Bolognesi, orgogliosissimi della loro preda, decisero di non accettare, anzi con la morte dell’Imperatore nel 1250 finirono le speranze di libertà di re ” Enzo di Svevia ” il quale rimase agli arresti domiciliari nel grandioso palazzo comunale di Bologna costruito già in precedenza, e nonostante vari tentativi di fuga reali o leggendari non vi uscirà più, morì nel 1272. Tuttavia Re Enzo visse una vita agiata circondato di arte poesia e belle dame . Il palazzo medioevale che iniziò a portare il suo nome , è ancora uno dei più bei palazzi Bolognesi.</span></em></span><br /><span style=”color: #993300;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Altre Vicende che si mixano con la fantasia :</span></em></span><br /><span style=”color: #993300;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Alcuni sostengono che Federico II avesse offerto per il riscatto del figlio un cerchio d’argento o di oro così largo da cingere le grandissime mura di Bologna, altri narrano che il re Enzo di notte per sicurezza fosse rinchiuso in una gabbia di legno e di ferro sollevata sino al soffitto del salone del palazzo. Una targa quattrocentesca narrerebbe del re in semilibertà libero di parlare con i nobili Bolognesi sotto il portico del palazzo.</span></em></span><br /><span style=”color: #993300;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Famosa la leggenda di un tentativo di fuga dentro una gerla sulle spalle di un facchino , ma la sua chioma bionda uscendo da sotto il coperchio lo tradì.</span></em></span><br /><span style=”color: #993300;”><em><span style=”font-family: Georgia, Palatino; font-size: 12pt;”>Questo Giovane RE di certo ha arricchito Bologna di molte pagine di Storia , forse gli è andata meglio così , ha vissuto una vita pacifica e relativamente tranquilla , probabilmente se fosse rimasto libero sarebbe morto in qualche battaglia o per qualche intrigo dell’epoca , l’uomo non trova mai pace !</span></em></span></p>

<p><em><span style=”font-family: Terminal, Monaco; font-size: 12pt;”>—————</span></em>——————————————————————————————————————————–</p>

<p><strong><span style=”text-decoration: underline;”>Note Conclusive :</span></strong></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”>Le Fonti di questa storia di Bologna sono basate su libri ed enciclopedie come : Wikipedia, Treccani , libri su bologna di Tiziano Costa, e altre ricerche su internet , non sono mai stati presi o citate frasi per intero a meno che non fossero specificate con note in calce nella bibliografia , ho espresso i concetti trovato nelle varie fonti semplificandole con le mie parole, Credo di essere stato preciso in quello che ho scritto avendolo scritto in buona fede al fine di valorizzare Bologna, il contenuto non ha finalità lucrative , e anche le foto inserite riportano al sito fonte dove sono state trovate , questa pagina è stata eseguita a fini didattici.</span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”>Si ringrazia l’Amico Pier Paolo Pelosi ( studioso ricercatore ) per alcuni particolari storici che ho aggiunto.</span></p>

<p><span style=”font-family: Georgia, Palatino;”>Zaira Farroni per alcune correzioni nella sintassi.</span></p>

<p>——————————–</p>

<p><strong>Bibliografia : </strong></p>

<p>( * 1 )Bologna nella storia nell’arte nel costume ” di G. Rossi pag 106 – 111</p>

<p>* 2 – Canali Perduti editore Tiziano Costa pag. 85-87</p>

<p>* 3 – Edinburgh Review, lxviii, 302. (Rivista di carattere letterario )</p>

<p>* 5 – ” le Torri raccontano ” editore Tiziano Costa pag . 21-23</p>

<h4><span style=”font-family: ‘Times New Roman’, Times; font-size: 8pt;”>la Storia di Bologna   Storia di Bologna  la Storia di Bologna  in breve  , breve la Storia di Bologna  , la Storia di Bologna   Storia di Bologna la Storia Bologna la Storia Bologna </span></h4>

<p>—–Storia Bologna</p>

<p>ultima aggiornamento 18 Febbraio 2021</p>

<p><span style=”font-family: Terminal, Monaco; font-size: 8pt;”> la storia di Bologna</span></p>

</div>

<p><a href=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Selva-Turrita-disegno-tratto-dal-Finelli.jpg”><img class=”size-large wp-image-6413 alignnone” src=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Selva-Turrita-disegno-tratto-dal-Finelli-1024×551.jpg” alt=”” width=”1024″ height=”551″ /></a></p>

<p style=”text-align: center;”><a href=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Selva-Turrita-disegno-tratto-dal-Finelli.jpg”><span style=”color: #993300;”>__________________________________________________________________</span><img class=”wp-image-6413 aligncenter” src=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/Selva-Turrita-disegno-tratto-dal-Finelli-1024×551.jpg” alt=”” width=”231″ height=”124″ /></a></p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”color: #993300;”>___________________</span></p>

<p><a href=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/incisioni-bologna.jpg”><img class=”aligncenter  wp-image-6475″ src=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/incisioni-bologna.jpg” alt=”” width=”277″ height=”277″ /></a><strong><a href=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/rione-medievale.jpg”><img class=”aligncenter  wp-image-6477″ src=”https://www.tizianovincenzi.it/wp-content/uploads/rione-medievale.jpg” alt=”” width=”442″ height=”230″ /></a></strong></p>

<p> </p>

<p style=”text-align: center;”><span style=”color: #993300;”>_______________